Tag Archives: pellegrinaggio

Anziani pellegrini al santuario di Piné

In 700 alla S. Messa di sabato 15 settembre presieduta dall'arcivescovo Lauro
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Momento ecclesiale festoso al santuario mariano di Pinè, sabato 15 settembre, in occasione del Pellegrinaggio diocesano degli anziani, alla presenza dell’arcivescovo Lauro. Nella spianata dalla Comparsa, Monsignor Tisi ha presieduto la s. Messa davanti a circa 700 anziani provenienti da tutta la Diocesi. Per loro parole di ringraziamento e di incoraggiamento da parte dell’Arcivescovo che prima e dopo la liturgia si è soffermato personalmente in mezzo ai presenti, stringendo centinaia di mani. Al termine della s. Messa sono intervenuti con un indirizzo di saluto il coordinatore dei circoli anziani della Provincia autonoma Tullio Cova e Walter Mosna del Fap Acli (Federazione anziani e pensionati) che operano in stretta sinergia con la pastorale anziani della Diocesi.  Immagini: Silvio Magnini

 

 

Terra Santa, con occhi di prete

Pellegrinaggio diocesano di una ventina di sacerdoti con il vescovo Lauro
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Seconda settimana del pellegrinaggio diocesano in Terra Santa a cui partecipano una ventina di preti guidati dal vescovo Lauro. Ecco il programma delle prossime giornate:

7° GIORNO – Lunedì 18
Prima parte dell’itinerario “pasquale”.
Mattino: Lodi a Betfage. Quindi, visita (a piedi) ai Luoghi del Monte degli Ulivi: Grotta
del Pater Noster, Dominus Flevit, e Getsemani. Pranzo a Gerusalemme.
Pomeriggio: Visita al Monte Sion: Cenacolo, Basilica della Dormizione di Maria e
S.Messa al Cenacolino (con il Custode P.Patton). Visita al Muro della Preghiera e
rientro in albergo.
Dopo cena in albergo: incontro (libero) con don Cristiano sul tema “Le Chiese
Ortodosse”

8° GIORNO – Martedì 19
Seconda parte dell’itinerario “pasquale”.
Al mattino presto: Via Crucis per la Via Dolorosa. Visita e preghiera al Calvario e al
S.Sepolcro. Colazione in Albergo.
A fine mattinata: S.Messa della Risurrezione presso il Vicariato Patriarcale dei
Melchiti. Pranzo.
Primo pomeriggio: breve riposo in albergo. Quindi, Ritiro presso le Clarisse: “Il
Mistero Pasquale nella vita e nel ministero dei Preti”. Vespro e rientro in albergo per
la Cena.

9° GIORNO – Mercoledì 20
Mattino: Visita alla Piscina Probatica e Lodi nella chiesa di S.Anna. Proseguimento
per Emmaus: S.Messa dell’incontro di Gesù con i due discepoli. Pranzo.
Visita a Sichem in Samaria (Santuario al Pozzo di Giacobbe): Vespro.
Rientro a Gerusalemme.

10° GIORNO – Giovedì 21
Rientro.

 

 

 

Montagnaga, in mille al pellegrinaggio diocesano

Tradizionale appuntamento di primavera al santuario mariano
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Domenica 27 maggio il tradizionale pellegrinaggio diocesano al santuario di Montagnaga di Pinè, promosso dall’Opera diocesana ammalati e pellegrinaggi. Presenti non meno di mille persone all’appuntamento che non era riservato unicamente agli ammalati, ai disabili, agli anziani delle Case di riposo e relativi accompagnatori, ma a tutte le Comunità della Diocesi. Invitati, infatti, i consigli pastorali, gli animatori e catechisti, famiglie, oltre a gruppi giovanili e volontari che si rendono disponibili a collaborare in vari modi per la migliore riuscita dell’iniziativa. Il pellegrinaggio è stato presieduto dall’Arcivescovo,.

 

Programma

ore 09.30: Processione dalla piazza di Montagnaga alla conca della Comparsa
– pellegrini ammalati e impediti  raggiungono la Comparsa con i pullman
– confessioni
ore 11.00: Santa Messa Solenne alla Comparsa presieduta dall’ Arcivescovo Lauro Tisi
ore 12.00: pranzo al sacco
ore 14.00: preghiera del Rosario
– Adorazione Eucaristica e bene­dizione degli ammalati

Trecento pellegrini trentini a Lourdes

Dall' 1 al 4 settembre, con l'arcivescovo Lauro, anche 25 giovani volontari
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Poco più di trecento fedeli trentini, guidati dall’arcivescovo Lauro, sono in partenza per il pellegrinaggio diocesano a Lourdes, organizzato da “Ospitalità Tridentina” da venerdì 1 a lunedì 4 settembre. E’ il 99° pellegrinaggio diocesano (unico nel 2017) al santuario mariano francese. I trentini lo raggiungeranno con due voli dagli aeroporti di Bergamo e Verona.

Fra i 310 iscritti, accanto a monsignor Tisi (per la prima volta a Lourdes da vescovo di Trento), vi sono quaranta ammalati, una novantina di volontari fra dame e barrellieri, nove preti e una decina fra medici e infermieri. Responsabile organizzativo è don Piero Rattin, delegato per la pastorale degli ammalati e direttore dell’ufficio pellegrinaggi.

Nel gruppo dei volontari spicca la presenza di 25 giovani, formati in questi mesi dalla pastorale giovanile al contatto con gli ammalati, frequentando le corsie dell’Ospedale San Camillo a Trento. Nei giorni di Lourdes vivranno un’esperienza ancora più forte, che li aiuterà a testimoniare, al loro ritorno, l’attenzione alla malattia e alla sofferenza anche nel quotidiano delle nostre comunità.

Oltre a Lourdes, la Diocesi di Trento ha promosso quest’anno altri tre pellegrinaggi mariani, tutti al santuario di Fatima, nel centenario delle apparizioni della Madonna ai pastori. I primi due pellegrinaggi si sono svolti rispettivamente nei mesi di maggio e giugno. Un terzo è in calendario agli inizi di ottobre.

In allegato il programma completo delle quattro giornate di pellegrinaggio a Lourdes.

Sanzeno-Senale, tanti per la trentesima

Il pellegrinaggio guidato quest'anno dal vescovo Bregantini
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Partecipata trentesima edizione, sabato 19 agosto, del pellegrinaggio dalla basilica di Sanzeno in val di Non al santuario della Madonna di Senale, poco oltre il confine altoatesino. Il cammino, promosso dal gruppo di preghiera Samuele (fondato 45 anni fa), in collaborazione con il decanato di Fondo, è stato guidato quest’anno dal vescovo noneso monsignor Giancarlo Bregantini che ha presieduto la s. Messa al santuario mariano a conclusione dei 23 chilometri di fatica condivisa, tra silenzio, canti e preghiere.

1200 ammalati in pellegrinaggio a Pinè

L'omelia del vescovo Lauro: "Dio nel volto dell'altro"
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Erano oltre 1.200 i partecipanti al tradizionale pellegrinaggio diocesano di ammalati e anziani, persone con disabilità e volontari, domenica 11 giugno al Santuario della Madonna di Pinè. A loro,  provenienti da tutto il Trentino, si è rivolto concreto e diretto il Vescovo Lauro nel commentare il Vangelo di Giovanni (3,16-18: “Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna”) : “Il nostro Dio – ha detto monsignor Tisi – è comunione, non solitudine, conosce solo la parola noi e declina la vita ‘in uscita’, attorno al volto dell’altro. Ogni uomo che viene al mondo deve essere valorizzato e rispettato, perché frutto dell’entusiasmo di Dio. La Trinità  vista spesso come qualcosa di astratto e indecifrabile, è invece comunione concreta  rintracciabile proprio dove si vive per l’altro”. (e.t.)