Tag Archives: cultura

Ancora tutto esaurito per Vivaldelli al PalaRotari. Oltre 1500 per il dialogo tra Vangelo ed Arte nell’Ultima Cena

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Cambia lo spartito, ma l’effetto Vivaldelli non muta. Ancora un bagno di folla per il biblista rivano, impegnato nella serata del 10 aprile al PalaRotari di Mezzocorona in una proposta diocesana innovativa per il pubblico trentino: mettere a confronto Vangelo ed Arte. A partire dall’Ultima Cena di Gesù e dalla rappresentazione di Leonardo Da Vinci, per raccontare il primo de “I tre giorni che cambiarono la storia”. A febbraio Gregorio Vivaldelli aveva riempito il PalaRotari con una nuova tappa tra i gironi danteschi della Divina Commedia. Era, dunque, motivata la curiosità per la risposta del pubblico a un  “taglio” ben diverso: molto più “confessionale”, seppure con lo stile consueto, capace di toccare le corde della quotidianità.

Come con il testo di Dante, anche con la pagina evangelica messa in relazione all’opera d’arte, l’alchimia si rivela vincente e unisce senza soluzione di continuità credenti e non credenti, praticanti e meno. Al punto che oltre alla sala principale, alle Cantine Mezzacorona hanno dovuto aprirne una seconda  in videocollegamento, aggiungendo pure altre sedie a quelle standard. Oltre 1500 persone, alle quali non  va – chi conosce Vivaldelli lo sa bene – una dotta lezione o un predicozzo dal taglio moralistico, ma una molteplice provocazione, altamente etica, documentata nei risvolti biblici e artistici, senza però  negarsi sprazzi di frizzante ironia. Uno stimolo – fortemente sostenuto anche dall’arcivescovo Lauro che l’ha sposata come iniziativa diocesana – a pensare di più, in questa società dove sembra vincere una disarmante superficialità, e ad agire meglio, rispettando gli altri fin dalle relazioni in famiglia.

La folta platea che partecipa a serate così, pur dopo una giornata di lavoro e con una squadra italiana in campo nei quarti di Champions, è un bel segnale: non da cavalcare, ma da rispettare nella sua forza comunicativa. Nessuno si muove per nulla. Nessuno si spende nel passaparola se non c’è la certezza che tornerà a casa migliorato. Questa è la notizia che arriva dai 1500 del PalaRotari. Certo, c’è di mezzo l’abilità di un comunicatore. Ma – per chi crede – c’è anche un soffio di altra natura, che tocca il cuore oltre ogni previsione (a dispetto di tanto pessimismo, anche ecclesiale), e al di là di ogni etichetta. A pochi giorni dalla Festa del Risorto. (pi.fra)

GUARDA FOTOGALLERY

Con Vivaldelli il Vangelo dialoga con l’Arte: al PalaRotari (10 aprile) “Riparti dall’Ultima Cena”. Primo dei “Tre giorni che cambiarono la storia”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Nuova serata con Gregorio Vivaldelli proposta dall’Arcidiocesi di Trento. Questa volta non a partire dalla Divina Commedia, che sarà ripresa a ottobre, ma all’interno di un nuovo progetto sul Triduo Pasquale dal titolo: “I tre giorni che cambiarono la storia”. Mercoledì 10 aprile, ore 20.30, al PalaRotari di Mezzocorona (Tn) il racconto del primo dei tre giorni che cambiarono la storia (il Giovedì Santo), a partire dall’Ultima Cena.

Vivaldelli, con il suo stile coinvolgente e un linguaggio sempre attento alla vita quotidiana, ripercorrerà le ultime ore di vita terrena di Gesù narrate nel Vangelo e illuminate dall’Arte, in un incrocio di straordinaria bellezza.

Una proposta diocesana trasversale aperta a tutti: giovani e adulti, catechisti, operatori pastorali e ogni persona disponibile a lasciarsi sorprendere dal fascino di eventi in grado di generare speranza. Un’occasione offerta dalla Chiesa trentina in questo Tempo di Quaresima per migliorare la qualità della vita. Propria e degli altri.

Organizzazione e info: Biblioteca Diocesana Vigilianum – 0461 360224

Ingresso libero. È possibile usufruire dell’ampio parcheggio interno gratuito.

Locandina della serata “Riparti dall’Ultima Cena. Il Vangelo in dialogo con l’Arte

LEGGI ANCHE IN 1500 PER IL DANTE DI VIVALDELLI AL PALAROTARI 

Nel ciclo “Parole in tempo di migrazione” si parla di “speranza“ con il teologo Marcello Neri

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Dopo la paura, la speranza. Sarà questa la parola chiave al centro del secondo incontro del ciclo “Parole in tempo di migrazione” in programma martedì 26 marzo al Polo Culturale Vigilianum di via Endrici a Trento, alle ore 17.30. L’incontro, dal titolo Speranza. La possibilità di un’Europa globale avrà come relatore il teologo Marcello Neri, professore di Teologia cattolica all’università tedesca di Flensburg (Neri questa sera è ospite alla Cattedra del Confronto con il rabbino Di Segni).

Il ciclo di cinque incontri sul potere comunicativo della parola, promosso da Arcidiocesi (Area Cutura), Biblioteca civica “G. Tartarotti” di Rovereto e Università di Trento (Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive) è stato inaugurato lo scorso 14 marzo nella Biblioteca roveretana dall’avvocata Elisabetta Bezzi intervenuta su “Paura. Rifugiati e minori in un mondo incerto”.

L’intento del ciclo, con appuntamenti in alternanza fra Trento e Rovereto, è quello di focalizzare il potere comunicativo della parola in tempo di migrazione, dando spazio alla testimonianza di ricerche ed esperienze personali, in dialogo aperto e senza pregiudizi con il pubblico.

Gli incontri, a cura di Gianmario Baldi, Leonardo Paris e Lucia Rodler, sono aperti agli studenti e alle studentesse degli istituti superiori e dell’università, ai docenti e a tutta la cittadinanza. Gli incontri sono validi ai fini dell’aggiornamento dei docenti della Provincia di Trento.

Di seguito i prossimi appuntamenti e le relative parole (dopo paura e speranza):

Sorpresa. I dati della realtà locale

4 aprile 2019, ore 17.00, Rovereto, Biblioteca civica “G. Tartarotti” (Sala multimediale):

Vincenzo Passerini (bibliotecario, già presidente del “Coordinamento nazionale comunità di accoglienza, CNCA”, Trentino Alto Adige)

Disgusto. Reagire alla menzogna

7 maggio 2019, ore 17.30, Trento, Polo Culturale Vigilianum (Aula Magna):

Luca Rigoni (giornalista, Caporedattore degli Esteri a Mediaset e conduttore TGcom24)

Odio. La comunicazione fra rabbia e offesa

13 maggio 2019, ore 17.00, Rovereto, Dipartimento di Psicologia (Palazzo Fedrigotti – Sala Convegni):  Giulia Pirozzi (coordinatrice dei progetti “Task Force – Hate speech” e “Osservatori sui Diritti Umani” di Amnesty International Italia).

Biblioteca diocesana, la “Divina” è di casa

Martedì 14 torna Vivaldelli con il Purgatorio dantesco
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

La Divina Commedia torna a fa parlare di sé nella Biblioteca diocesana, al Polo culturale Vigilianum. A darle vita, non in una sala conferenze ma tra gli scaffali fitti di volumi, sarà il prof. Gregorio Vivaldelli martedì 14 marzo alle ore 20.30 in una nuova serata dedicata al capolavoro dantesco dal titolo “La gioia della salita. Le sette cornici del Purgatorio di Dante”. Dopo aver presentato lo scorso mese di ottobre la zona dell’Antipurgatorio, in questo nuovo appuntamento Vivaldelli prosegue descrivendo la salita di Dante lungo le sette cornici della montagna del Purgatorio. L’intervento di Vivaldelli sarà accompagnato da alcuni inserti musicali curati dall’Ensemble Concilium diretto da Alessandro Martinelli.

«Obiettivo dell’iniziativa – spiegano la direttrice della biblioteca Paola Tomasi e lo stesso Vivaldelli – è condividere con giovani e adulti, esperti e meno esperti, il patrimonio di umanità che è la Divina Commedia, per coglierne il fascino e l’attualità. Dante, infatti, provoca alla pari credenti e non credenti, invitando a guardare alla propria vita come a un viaggio nel quale imparare a fare piccole scelte quotidiane orientate al bene comune».

Ingresso libero fino a esaurimento posti.