Author: kpizzini

La parola scritta dal Medioevo a oggi

Martedì 10, 17, 24 aprile e martedì 8, 15, 22 e 29 maggio
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’Archivio Diocesano Tridentino, insieme al Museo Diocesano Tridentino e alla Biblioteca Diocesana Vigilianum, propone un nuovo corso formativo per adulti, tenuto dalla dott.ssa Adriana Paolini, docente di Codicologia ed esperta nell’ambito della didattica per scuole e adulti: Le scritture dei libri e delle carte. La parola scritta dal Medioevo a oggi

Nel corso si andrà alla scoperta dell’affascinante mondo della scrittura, vedendo come la parola scritta possa assumere diverse forme, con particolari segni ed eleganti caratteri grafici tracciati dalla mano umana.  Sarà anche affrontato il momento cruciale della nascita della stampa e il successivo permanere della scrittura a mano, fino ai nostri giorni, quando le nuove tecnologie stanno trasformando il nostro modo di scrivere, di comunicare e di pensare.

Oltre a lezioni di tipo frontale, sarà possibile esaminare direttamente una significativa selezione del ricco patrimonio librario e archivistico custodito dai tre enti.

Le lezioni saranno ospitate nelle tre sedi degli istituti. Il costo ha un costo di 70 €, che possono essere versate in occasione del primo incontro, martedì 10 aprile 2018 alle 17.45 presso il Museo Diocesano Tridentino.

Per partecipare, è necessario iscriversi telefonando ad uno dei seguenti numeri:

Museo Diocesano Tridentino – 0461.234419

Archivio Diocesano Tridentino – 0461.360217

Biblioteca Diocesana Vigilianum – 0461.360224

Il programma completo

Archivio diocesano, “Scrinium apertum”

Il 16 febbraio si celebrano i 25 anni dalla sua costituzione (1993-2018)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il 10 febbraio 1993 con decreto dell’arcivescovo mons. Giovanni Maria Sartori (prot. n. 128/93/E) venne ufficialmente istituito l’Archivio Diocesano Tridentino. Nella ricorrenza del 25. anniversario dalla sua costituzione, l’Archivio ha organizzato una giornata di studio venerdì 16 febbraio. Al mattino un convegno con la presentazione delle attività, dei progetti, delle collaborazioni in corso. Al pomeriggio, dopo una visita guidata ai depositi, tavola rotonda riguardante le esperienze e i protagonisti di questi 25 anni, con un omaggio, in particolare, al suo fondatore don Livio Sparapani.

Programma della giornata

“Da Rosmini a De Gasperi”, pubblicati atti del convegno

Vigilianum, 23 novembre 2017, ore 18
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Giovedì 23 novembre alle ore 18, presso l’Aula Magna del Vigilianum, i curatori Paolo Marangon e Marco Odorizzi presentano in dialogo con Emanuele Curzel il libro “Da Rosmini a De Gasperi: spiritualità e storia nel Trentino asburgico. Figure a confronto“.

Il volume, che raccoglie gli atti dell’omonimo convegno di studi del 2016, esamina una galleria di personaggi che hanno segnato in profondità la storia trentina dall’età napoleonica alla Grande Guerra: figure eminenti come Antonio Rosmini e Alcide De Gasperi; figure rappresentative della sensibilità prevalente del cattolicesimo trentino quali i vescovi Tschiderer o Endrici, ovvero i vicari Freinadimetz e Boghi o il canonico de Gentili; figure fortemente carismatiche, ma con un’influenza circoscritta, come Giovanni a Prato e Lorenzo Guetti nel campo cattolico oppure Antonio Piscel in quello socialista; infine figure di indubbio rilievo nazionale, ma marginali nel contesto locale quali Emilio Chiocchetti e Antonietta Giacomelli. Si tratta dunque di un approccio prosopografico alla storia della spiritualità in terra trentina: non un centone di medaglioni slegati gli uni dagli altri, bensì una selezione di figure a confronto, in dialogo e talora in conflitto. È proprio questo intreccio di relazioni e influssi reciproci che fa emergere un’immagine nuova, dinamica e plurale del Trentino asburgico e mette in luce le diverse «anime» che, in vario modo, l’hanno segnato e talora plasmato.

 

A scuola di lettura dei testi antichi

Importante corso promosso da Archivio, Museo e Biblioteca Diocesani
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tre importanti enti culturali della Chiesa trentina, l’Archivio Diocesano, il Museo Diocesano Tridentino e la Biblioteca Diocesana Vigilianum, propongono, a partire da lunedì 6 novembre, il corso “Una storia per parole e immagini. La circolazione delle idee attraverso i libri antichi”.

Il filo conduttore sarà la storia del libro, quale strumento principale della circolazione delle idee. Partendo dalla nascita delle prime biblioteche e analizzando il rapporto tra testo e immagine, il percorso si concluderà con un approfondimento sul ruolo giocato dal libro nella Riforma protestante, della quale quest’anno si ricorda il 500° anniversario.

Il corso si svolgerà presso le sedi dei tre enti, alternando lezioni di tipo frontale a momenti in cui sarà possibile osservare da vicino splendidi codici miniati di epoca medievale e antichi libri a stampa

La proposta, rivolta ad un pubblico di adulti non specialisti della materia, è ideata e condotta dalla dott.ssa Adriana Paolini, docente di Codicologia presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Trento.

Il primo incontro sarà lunedì 6 novembre 2017 alle 17.30 presso l’Archivio Diocesano Tridentino.

Qui si trova il programma completo del corso.

 

ISCRIZIONI

Per partecipare al corso è necessario iscriversi entro venerdì 3 novembre 2017 telefonando ad uno dei seguenti numeri:

Archivio Diocesano Tridentino – 0461.360217

Biblioteca Diocesana Vigilianum – 0461.360224

Museo Diocesano Tridentino – 0461.234419

 

INFORMAZIONI

Orario: dalle 17.30 alle 19.00

Date delle lezioni: lunedì 6, 13, 20, 27, novembre, 4 e 11 dicembre

Costo: € 60,00 per tutto il corso.

Il corso verrà attivato se si raggiungerà un numero minimo di dieci partecipanti. Al termine sarà rilasciato un attestato di partecipazione a chi ne farà richiesta.

Riscrivere la storia della sociologia a Trento

Tra principe vescovo e Via Verdi 26
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il recente ritrovamento in Archivio Diocesano degli appunti e quaderni di sociologia del professore di teologia morale e filosofia don Celestino Endrici, futuro vescovo di Trento, rappresenta l’occasione per ripensare la storia dell’insegnamento della sociologia nella città di Trento. Nel 1902, infatti, Endrici è nominato primo lettore di “sociologia cristiana”, incarico che ricoprirà fino al 1904, anno della sua nomina a vescovo. L’Istituto Universitario Superiore di Scienze Sociali, fondato nel 1962 ad opera di Bruno Kessler e divenuto in seguito la prima Facoltà di Sociologia istituita in Italia, trova così un illustre e inaspettato precursore e riscopre una storia finora dimenticata.
Per approfondire questo argomento, il Polo diocesano Vigilianum in collaborazione con l’Università di Trento propone giovedì 16 marzo alle ore 15.00, presso la sala convegni del Vigilianum, un pomeriggio di studio, con interventi di Katia Pizzini e dei professori Andrea Leonardi dell’Università e Severino Vareschi dello STAT.

 Allegato comunicato stampa congiunto Ufficio Stampa Università di Trento e Ufficio Stampa Diocesi di Trento.

Endrici e lotta al nazismo, studio di Bressan su documenti inediti

Conferenza dell'arcivescovo emerito martedì 14 al Vigilianum
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Martedì 14 marzo alle ore 17 presso la sala convegni del Vigilianum, mons. Luigi Bressan, arcivescovo emerito di Trento, interverrà sul tema “Mons. Endrici e la lotta all’ideologia nazista: documenti inediti”. La conferenza è proposta dall’Archivio Diocesano come conclusione degli incontri di approfondimento della figura di mons. Celestino Endrici. Sarà poi possibile seguire la visita guidata gratuita alla mostra “Celestino Endrici: un vescovo tra due nazioni”, che sarà chiusa in quella giornata, a 151 anni esatti dalla nascita di Endrici (Don, 14 marzo 1866).