Author: msignorati

Al Vigilianum (5 aprile 17.30) si presenta il libro Ester Abbattista: Il male, la libertà umana e la risposta di Dio. Con cardinale Maradiaga e vescovo Tisi

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Venerdì 5 aprile 2019 ad ore 17.30 presso il Vigilianum (via Endrici, 14 – Trento) viene presentato il libro di Ester Abbattista: Il male, la libertà umana e la risposta di Dio. Un itinerario biblico  

Con l’autrice interverranno il cardinale Oscar Rodriguez Maradiaga, Arcivescovo di Tegucigalpa, Honduras; l’arcivescovo di Trento Lauro Tisi e il professor Kurt Appel, docente di Teologia fondamentale presso l’Università di Vienna.

Organizzano Arcidiocesi di Trento, Istituto Superiore di Scienze Religiose “Romano Guardini” e Il pozzo di Giacobbe.

 

Parole in tempo di migrazione. Giovedì 14 riflettori sulla “paura”

Una proposta del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive di Rovereto, della Biblioteca Civica di Rovereto e dell'Arcidiocesi di Trento
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Paura, speranza, sorpresa, disgusto e odio, cinque parole per un tema attuale: le migrazioni. Al via un nuovo ciclo di incontri sul potere comunicativo della parola, promosso da Arcidiocesi, Biblioteca civica “G. Tartarotti” e Università di Trento (Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive). Primo appuntamento dal titolo “Paura. Rifugiati e minori in un mondo incerto”  giovedì 14 marzo a Rovereto (ore 17.00, Dipartimento di Psicologia – Palazzo Fedrigotti- Sala convegni) con l’avvocata Elisabetta Bezzi sul termine “paura”. 

La parola può spegnere la paura, eliminare la sofferenza, alimentare la gioia, accrescere la compassione» affermava il filosofo Gorgia qualche secolo prima di Cristo. Vero, ma non solo: la parola può anche comunicare odio, paura, falsità, incomprensioni. In un certo senso, la parola “ha un volto”. Del resto la funzione primaria del linguaggio è quella di permettere di esprimere e riconoscere il volto, nostro e altrui. Sull’importanza della parola nella vita di ogni giorno, il Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive di Rovereto, la Biblioteca civica “G. Tartarotti” di Rovereto e l’Area Cultura dell’Arcidiocesi di Trento, avviano un ciclo di cinque incontri su alcuni termini di grande attualità nel tempo presente: paura, speranza, sorpresa, disgusto e odio.

L’intento del ciclo, che si terrà fra Trento e Rovereto di volta in volta ospitato in una sede diversa, è quello di ascoltare studiosi e studiose, professionisti e professioniste che parlano del potere comunicativo della parola in tempo di migrazione. Grande spazio avrà nella riflessione la testimonianza di ricerche e esperienze personali, con letture e approfondimenti che stimoleranno un dialogo aperto e senza pregiudizi con il pubblico.

Gli incontri del ciclo, a cura di Gianmario Baldi, Leonardo Paris e Lucia Rodler, sono aperti agli studenti e alle studentesse degli istituti superiori e dell’università, ai docenti e a tutta la cittadinanza. Gli incontri sono validi ai fini dell’aggiornamento dei docenti della Provincia di Trento.

Il ciclo si aprirà con l’incontro dal titolo “Paura. Rifugiati e minori in un mondo incerto” che si terrà giovedì prossimo, 14 marzo alle 17 a Rovereto, nella sala convegni del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive a Palazzo Fedrigotti. A discuterne sarà Elisabetta Pezzi, avvocata esperta in diritto dei minori, si occupa del coordinamento tecnico dei servizi legali di “Save The Children Italia Onlus”.

Di seguito il programma del ciclo

 

Paura. Rifugiati e minori in un mondo incerto 

14 marzo 2019, ore 17.00, Rovereto, Dipartimento di Psicologia (Palazzo Fedrigotti- Sala convegni):

Elisabetta Pezzi (avvocatessa esperta in diritto dei minori, si occupa del coordinamento tecnico dei servizi legali di “Save The Children Italia Onlus”)

 

Speranza. La possibilità di un’Europa globale 

26 marzo 2019, ore 17.30, Trento, Polo Culturale Vigilianum (Aula Magna):

Marcello Neri (professore di Teologia cattolica presso l’Università tedesca di Flensburg)

 

Sorpresa. I dati della realtà locale

4 aprile 2019, ore 17.00, Rovereto, Biblioteca civica “G. Tartarotti” (Sala multimediale):

Vincenzo Passerini (bibliotecario, già presidente del “Coordinamento nazionale comunità di accoglienza, CNCA”, Trentino Alto Adige)

 

Disgusto. Reagire alla menzogna

7 maggio 2019, ore 17.30, Trento, Polo Culturale Vigilianum (Aula Magna):

Luca Rigoni (giornalista, Caporedattore degli Esteri a Mediaset e conduttore TGcom24)

 

Odio. La comunicazione fra rabbia e offesa

13 maggio 2019, ore 17.00, Rovereto, Dipartimento di Psicologia (Palazzo Fedrigotti – Sala Convegni):

Giulia Pirozzi (coordinatrice dei progetti “Task Force – Hate speech” e “Osservatori sui Diritti Umani” di Amnesty International Italia)

 

 

Il Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive di Rovereto, la Biblioteca civica “G. Tartarotti” di Rovereto e l’Area Cultura dell’Arcidiocesi di Trento propongono un ciclo di cinque incontri su alcune parole del tempo presente. L’intento è quello di ascoltare studiosi e professionisti che parlano del potere comunicativo della parola in tempo di migrazione attraverso la testimonianza di ricerche ed esperienze personali che stimolino un dialogo aperto e senza pregiudizi con il pubblico.

Il programma prevede l’approfondimento delle parole:
Paura. Rifugiati e minori in un mondo incerto con Elisabetta Pezzi – 14 marzo ore 17.00 –  Dipartimento di Psicologia – Palazzo Fedrigotti (Sala Convegni) – Rovereto
Speranza. La possibilità di un’Europa globale con Marcello Neri  26 marzo ore 17.30 –  Vigilianum – Trento
Sorpresa. I dati della realtà locale con Vincenzo Passerini – 4 aprile ore 17.00 – Biblioteca Civica “G: Tartarotti” – Rovereto
Disgusto. Reagire alla menzogna con Luca Rigoni – 7 maggio ore 17.00 – Vigilianum – Trento
Odio. La comunicazione fra rabbia e offesa con Giulia Pirozzi – Dipartimento di Psicologia – Palazzo Fedrigotti (Sala Convegni) – Rovereto

 

Giornata di preghiera e digiuno per i Missionari Martiri

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La celebrazione annuale di una Giornata di preghiera e digiuno in memoria dei missionari martiri, il 24 marzo, prende ispirazione dall’uccisione di mons. Oscar A. Romero, vescovo di San Salvador, sia per fare memoria di quanti lungo i secoli hanno immolato la propria vita proclamando il primato di Cristo e annunciando il Vangelo fino alle estreme conseguenze, sia per ricordare il valore supremo della vita che è dono per tutti.

In modo particolare ricordiamo quest’anno gli 80 anni del martirio di tre cappuccini trentini: p. Teofilo Mazzini, p. Angelico Scarpa e fra Pietro Griso morti a Endeber in Etiopia.

Materiale per l’animazione
locandina
veglia
via crucis
adorazione eucaristica
martirologio
cineforum

Giornata del Migrante e del Profugo 2018

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati è il titolo proposto da Papa Francesco per la Giornata del Migrante e del Profugo.

Il Signore affida all’amore materno della Chiesa ogni essere umano costretto a lasciare la propria patria alla ricerca di un futuro migliore. E’ una grande responsabilità che la Chiesa intende condividere con tutti i credenti e gli uomini e le donne di buona volontà, i quali sono chiamati a rispondere alle numerose sfide poste dalle migrazioni contemporanee con generosità, alacrità, saggezza e lungi-miranza, ciascuno secondo le proprie possibilità.   leggi tutto il messaggio del Papa

 

La Giornata viene celebrata a livello diocesano domenica 11 marzo nella chiesa di s. Maria Assunta a Riva del Garda