A “Sospesi”, la provocazione delle chiese vuote. RIVEDI la seconda puntata con il biblista Vivaldelli e il teologo Paris

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Un biblista, un teologo, un’insegnante e un architetto. Quattro voci a confronto su un tema cardine sollevato dall’emergenza Coronavirus: le chiese vuote e la provocazione per la fede. E’ questo il filo conduttore della seconda puntata, andata in onda giovedì 7 maggio (disponibile direttamente qui sotto o a questo LINK)  di “Sospesi. Vivere al tempo del Coronavirus” viaggio in cinque puntate proposto dalla Diocesi di Trento e realizzato dal Servizio Comunicazione diocesano.

Dopo i temi antropologici affrontati nella prima puntata (QUI LINK), la seconda tappa ha avuto come ospiti – coordinati da Piergiorgio Franceschini – il biblista rivano Gregorio Vivaldelli, il teologo Leonardo Paris (collegato da Trento), Flavia Stefani (vicepreside del Collegio Arcivescovile di Rovereto, collegata da Mori). Da Pinzolo, la testimonianza dell’architetto Ivo Bonapace, che ha contratto e sconfitto il virus.

L’architetto Ivo Bonapace ha sconfitto il virus

“Sospesi” va in onda in diretta su Telepace Trento (canale 601) e in streaming sui siti diocesani e sul canale YouTube del Servizio Comunicazione diocesano.

RIVEDI LA SECONDA PUNTATA 

In ogni puntata vengono posti agli interlocutori due interrogativi che, al di là dei temi specifici, fanno da filo conduttore del ciclo di incontri e che vengono rilanciati anche dal settimanale Vita Trentina: 1- Cosa vi è mancato di più in questa lunga quarantena?  2- Alla luce dell’emergenza, a che cosa siete disposti a rinunciare nella quotidianità della vostra vita? Per le vostre risposte: ufficiostampa@diocesitn.it e dialogo@vitatrentina.it.