“Tenete lo sguardo fisso su Gesù, sul suo modo di morire”: la meditazione del vescovo Lauro per “Sulla Tua Parola”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

“Tutti ci accorgiamo che la vita ha bisogno di essere custodita dal cuore di qualcuno”. L’arcivescovo Lauro riflette sul brano evangelico del “buon ladrone” (Luca 23,35-43) e si rivolge a quanti lo seguono in diretta streaming nell’appuntamento “Sulla Tua Parola“, proposta di riflessione sul Vangelo destinata agli adulti, inevitabilmente a distanza nei giorni dell’emergenza Coronavirus.

“Ognuno di noi – ammette don Lauro in apertura – , è sorpreso da una situazione che mai avremmo immaginato; smarrito, senza parole, in difficoltà a comprendere cosa sta capitando”. “Per quanto riguarda il bisogno di essere ricordati, portati nel cuore, solo pochi giorni fa sembrava essere la necessità di donne e uomini ingenui che non hanno ancora raggiunto la propria autonomia oppure l’esigenza di qualcuno che non riesce a tenere il  ritmo vita. Oggi è il bisogno irrefrenabile di tutti noi. Tutti sentiamo il dramma di chi deve in solitudine affrontare la malattia e talora la morte. Sommessamente vi suggerisco di guardare Gesù, a tenere fisso lo sguardo su di Lui, sulla sua umanità, sul suo modo di morire”.

E conclude, commentando la promessa di Gesù al ladrone “oggi con me sarai nel paradiso” (Lc 23, 43): “Il paradiso altro non è che vivere la dimensione dell’essere “con”, anziché essere soli o “contro”. E’ diventare finalmente uomini, avvicinando l’unico che lo è stato fino in fondo: Gesù di Nazareth. È riprendere il filo di un incontro, scoprendo che ogni momento è buono per entrare nell’oggi della salvezza”.    

RIVEDI il  Video-incontro con il vescovo Lauro. incontro al quale tutti possono sentirsi in ogni momento invitati, ognuno nella propria casa, utilizzando la traccia predisposta (SCARICABILE QUI E IN ALLEGATO).