Coronavirus, mons. Russo (CEI): “Sosteniamo medici e operatori sanitari, siamo accanto ai malati”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
“Nella situazione attuale, in cui sono messe a nudo tutte le nostre certezze, riscopriamo il senso e il valore della prossimità, della cura, della relazione… In una parola: della carità, sempre silenziosa, ma operosa. La Chiesa, senza rumore e megafono, continua a sostenere in maniera corresponsabile medici, operatori sanitari e malati. A parlare, nei giorni che precedono la Settimana Santa che quest’anno sarà vissuta da un intero Paese in quarantena, è mons. Stefano Russo, segretario generale della Cei in una lunga intervista destinata ai media ecclesiali. “In questo momento – dice mons. Russo a proposito dell’importanza della comunicazione – vorrei rivolgere un pensiero grato a tutti i nostri media che, in forme diverse e secondo le specificità di ciascuno, stanno tessendo il filo delle comunità. Porto nel cuore quanto mi hanno scritto diversi settimanali diocesani in questi giorni: le nostre pagine sono diventate un necrologio continuo. Avverto la sofferenza che arriva dai territori, a tutti assicuro la vicinanza della Chiesa italiana. Grazie!”.