“Passiamo dalla povertà al volto dei poveri”

L'appello del Vescovo ai volontari Caritas in vista della Giornata dei poveri (19 novembre)
Caritas diocesana

“La chiamiamo Giornata della povertà, ma in realtà è la Giornata dei poveri. Questo però dice la deformazione in cui cadiamo spesso: siamo bravi a parlare dei problemi, più che delle persone”. Non nasconde un limite (anche dell'”ecclesialese”) l’arcivescovo Lauro rivolto a un’ottantina di volontari dei Centri di ascolto Caritas (da tutta la Diocesi e dei punti di ascolto parrocchiali del capoluogo), riuniti nel pomeriggio di mercoledì 8 novembre, nella sede CedAS di via Giusti a Trento. Introdotto dal direttore della Caritas Roberto Calzà, monsignor Tisi dialoga a partire dall’intuizione di papa Francesco che ha fortemente voluto la prima “Giornata Mondiale dei poveri“, in calendario domenica 19 novembre. Don Lauro prova a riscrivere un grammatica della carità che si “alleni – sottolinea – a frequentare il volto dei poveri: se consegno il mio pacco viveri ma non scatta un incrocio di sguardi con il destinatario, allora – ammonisce – non ho fatto carità”. Parla poi del “rischio che i poveri divengano lo strumento per raccontare noi stessi” e invita a pensare alla vicinanza ai poveri non come l’opera di singoli volontari, ma come espressione comunitaria. Fino alla provocazione più forte: “Papa Francesco sogna una Chiesa povera e per i poveri. Io sogno che scompaia la Caritas e cresca la Chiesa diocesana che fa la carità. Sogno che si arrivi a dire che i cristiani trentini li trovi sulla strada, nel dormitorio… perché il povero deve inquietare tutti, ogni credente!”. Infine, un duplice appello: ad agire nella gratuità, avendo come “codice di orientamento Gesù di Nazareth e la sua umanità” e a coltivare la “leggerezza della speranza: sei sicuro di portare la carità di Gesù – ha concluso l’Arcivescovo rivolto ai volontari – se una storia di dolore la affronti facendo percepire al povero che lui è incanto e luce”.  Al termine dell’incontro, un duplice dono a don Lauro: una sciarpa e libretto con storie di persone incontrate dai volontari CedAS.