Scegliamo perché è utile, giusto o bello? Ritorna la Cattedra del Confronto, proposta culturale della Diocesi di Trento, in dialogo con tutti

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Quali sono i criteri che motivano le nostre scelte? L’utilità? Ciò che ci appare giusto? Oppure quello che giudichiamo bello? Sono le domande-guida al centro della Cattedra del Confronto: dopo un anno di sospensione causa pandemia, la proposta culturale della Chiesa trentina ritorna, seppure in versione telematica, ad animare le serate di tre lunedì successivi di aprile: 12, 19 e 26, alle ore 20.30.

Diretta su Telepace Trento (canale 601), sul canale YouTube della Diocesi e sulla pagina Facebook di Vita Trentina, con repliche anche sulle emittenti Tv locali.

Nomi di spicco anche per questa dodicesima edizione della Cattedra, promossa dall’Area Cultura delle Diocesi in collaborazione con alcuni docenti del dell’Università degli Studi di Trento.

Lunedì 12 aprile sul tema “l’utile si confronteranno l’economista Benedetto Gui e l’imprenditore Franco Debenedetti. Sette giorni dopo, lunedì 19 aprile, dialogheranno attorno a “il giustoLuciano Violante, presidente emerito della Camera dei Deputati e il teologo Francesco Occhetta. Chiuderanno la Cattedra 2021 il filosofo Massimo Donà e la musicologa Michela Garda: spetterà a loro lunedì 26 aprile approfondire da diverse angolazioni “il bello”.

Anche nella versione TV e digitale, la Cattedra rispetterà l’apprezzato format applicato in presenza. Introdotti e stimolati dalle domande di apertura di don Andrea Decarli, delegato diocesano per la cultura, gli ospiti argomenteranno a turno, proponendo le loro chiavi di lettura sul tema guida, mentre gli spettatori potranno rilanciare dubbi e interrogativi intervenendo attraverso i canali social attivati per l’occasione.

GUARDA IL VIDEO PROMO