Sanzeno, 1° settembre nel segno dei martiri, in memoria del ritorno delle reliquie

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Ritorna la Festa Dei Ss. martiri, come ogni prima domenica di Settembre a Sanzeno. La Festa ricorda il ritorno delle insigni reliquie dei Ss. Martiri a Sanzeno, avvenuto la prima domenica di settembre del 1927, dopo la loro lunga permanenza presso la basilica di San Simpliciano a Milano, dove erano state inviate dal Vescovo Vigilio, all’indomani del rogo del martirio avvenuto nel 397 d.C..

Si tratta delle reliquie più grandi di cui ora dispone la basilica di Sanzeno: parti di costole, conservate in un prezioso antico reliquiario.

Le cronache del 1927 parlano di “folle accorse a Sanzeno” in quella occasione che da allora fino ad oggi si è perpetuata.  L’iniziativa dei settembre – eco della solenne celebrazione del 29 maggio a ricordo del martirio – è partecipata e animata in pratica da tutte le parrocchie delle due valli di Non e di Sole.

Alle ore 15.00 il ritrovo è presso la chiesa di s. Maria in centro a Sanzeno per scendere poi in processione fino alla Basilica dei Ss. Martiri dove la Messa sarà presieduta dall’arcivescovo Lauro Tisi e concelebrata da tutti i sacerdoti delle due valli. L’animazione dei canti sarà affidata a più di 200 cantori dei cori riuniti tra le parrocchie delle due valli.

In questa occasione 2019 l’arcivescovo comunicherà che la Santa Sede ha concesso l’estensione della Indulgenza del Perdon di Sanzeno, solitamente limitato ai soli giorni di gennaio che precedono la festa di S. Romedio, anche ai giorni dal 26 al 29 maggio, in occasione della festa che ricorda il martirio avvenuto nel 397 D.C.