La messa in Cattedrale con il vescovo Lauro: “Ognuno di noi è parte di uno splendido disegno d’amore”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Un invito a non avere paura, a considerarci tutti importanti, valevoli, amabili: è questo lo sprone che il vescovo Lauro ha lanciato alla messa per la XII domenica del tempo ordinario, la penultima trasmessa in diretta streaming e in televisione, prima della solennità di San Vigilio e della messa di domenica prossima, 28 giugno.

“La paura di essere sinceri e autentici nel comunicare con gli altri -ha detto infatti don Lauro- è figlia del timore che la nostra vita valga poco, del percepirci poco amabili. Con parole altisonanti dichiariamo di essere liberi, autonomi, non influenzati da niente e da nessuno, la realtà è un’altra siamo fortemente dipendenti dal giudizio degli altri“.

Ma ecco la rivelazione: “Gesù ci libera dalla paura di non essere amabili -ha proseguito l’Arcivescovo- non con un generico incoraggiamento, ma attraverso una meravigliosa rivelazione: noi valiamo più di molti passeri davanti al Padre! La vita di Gesù è la prova del nostro valore, infatti, nella sua vita noi vediamo il Padre. Alla paura siamo invitati non a opporre il coraggio, ma la fede. Essa, altro non è, se non accogliere la rivelazione di Gesù: Dio è Padre e conta i capelli del nostro capo. Ognuno di noi è parte di uno splendido disegno d’amore”.

LEGGI QUI L’OMELIA COMPLETA