Tag Archives: #inpreghieraperlitalia

Tante candele alle finestre trentine nella grande preghiera per l’Italia. Papa Francesco: “Facciamoci prossimo l’uno dell’altro”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Candele accese alle finestre e drappi bianchi appesi ai davanzali. Anche in Trentino molte famiglie, preti e comunità religiose hanno partecipato ieri sera, 19 marzo, alla grande preghiera corale promossa dalla CEI per invocare, recitando il rosario, l’intercessione di Maria in quest’ora così difficile in particolare per l’Italia. Il Santo Padre su Tv2000 ha aperto il Rosario con un videomessaggio in cui ha invitato tutti a rivolgersi al Signore, perché custodisca in modo speciale ogni famiglia, particolarmente gli ammalati e le persone che se ne stanno prendendo cura. La preghiera trasmessa dall’emittente della CEI si è tenuta nella basilica di San Giuseppe al Trionfale, a Roma, ed è stata presieduta dal Segretario generale, mons. Stefano Russo.

Ecco il video del messaggio del Papa, e a seguire il testo integrale.

Cari fratelli e sorelle,
mi unisco alla preghiera che la Conferenza Episcopale ha voluto promuovere, quale segno di unità per l’intero Paese.
In questa situazione inedita, in cui tutto sembra vacillare, aiutiamoci a restare saldi in ciò che conta davvero. È un’indicazione di cammino che ritrovo in tante lettere dei vostri Pastori che, nel condividere un momento così drammatico, cercano di sostenere con la loro parola la vostra speranza e la vostra fede.
La preghiera del Rosario è la preghiera degli umili e dei santi che, nei suoi misteri, con Maria contemplano la vita di Gesù, volto misericordioso del Padre. E quanto bisogno abbiamo tutti di essere davvero consolati, di sentirci avvolti dalla sua presenza d’amore!
La verità di questa esperienza si misura nella relazione con gli altri, che in questo momento coincidono con i familiari più stretti: facciamoci prossimo l’uno dell’altro, esercitando noi per primi la carità, la comprensione, la pazienza, il perdono.
Per necessità i nostri spazi possono essersi ristretti alle pareti di casa, ma abbiate un cuore più grande, dove l’altro possa sempre trovare disponibilità e accoglienza.
Questa sera preghiamo uniti, affidandoci all’intercessione di San Giuseppe, Custode della Sacra Famiglia, Custode di ogni nostra famiglia. Anche il falegname di Nazareth ha conosciuto la precarietà e l’amarezza, la preoccupazione per il domani; ma ha saputo camminare al buio di certi momenti, lasciandosi guidare sempre senza riserve dalla volontà di Dio.

Proteggi, Santo Custode, questo nostro Paese.
Illumina i responsabili del bene comune, perché sappiano – come te – prendersi cura delle persone affidate alla loro responsabilità.
Dona l’intelligenza della scienza a quanti ricercano mezzi adeguati per la salute e il bene fisico dei fratelli.
Sostieni chi si spende per i bisognosi: i volontari, gli infermieri, i medici, che sono in prima linea nel curare i malati, anche a costo della propria incolumità.
Benedici, San Giuseppe, la Chiesa: a partire dai suoi ministri, rendila segno e strumento della tua luce e della tua bontà.
Accompagna, San Giuseppe, le famiglie: con il tuo silenzio orante, costruisci l’armonia tra i genitori e i figli, in modo particolare i più piccoli.
Preserva gli anziani dalla solitudine: fa’ che nessuno sia lasciato nella disperazione dell’abbandono e dello scoraggiamento.
Consola chi è più fragile, incoraggia chi vacilla, intercedi per i poveri.
Con la Vergine Madre, supplica il Signore perché liberi il mondo da ogni forma di pandemia. Amen

#In preghiera per l’Italia, tutti uniti giovedì 19 marzo alle ore 21. Per uscire insieme dall’emergenza. TESTO PREGHIERA  

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

La Chiesa italiana promuove un momento di preghiera per tutto il Paese, invitando ogni famiglia, ogni fedele, ogni comunità religiosa a recitare in casa il Rosario (Misteri della luce), simbolicamente uniti alla stessa ora: alle ore 21 di giovedì 19 marzo, festa di San Giuseppe, Custode della Santa Famiglia.
Alle finestre delle case si propone di esporre un piccolo drappo bianco o una candela accesa.

Anche la Diocesi di Trento, per primo l’arcivescovo Lauro, rilancia l’invito ad unirsi alla preghiera anche a livello locale. (viene pertanto rinviato in altra data il previsto appuntamento diocesano con Passi di Vangelo, trasmesso via streaming).

TV2000 offrirà la possibilità di condividere la preghiera in diretta.

QUI IL TESTO SUGGERITO DALLA CEI PER LA PREGHIERA IN FAMIGLIA O PERSONALE 

Nel frattempo è on line il sito chiciseparera.chiesacattolica.it ambiente digitale che raccoglie e rilancia le buone prassi messe in atto dalle nostre diocesi, offre contributi di riflessione e approfondimento, condivide notizie e materiale pastorale.
Un’iniziativa, promossa dalla Segreteria Generale della Cei, per testimoniare ancora e sempre l’impegno della Chiesa che vive in Italia nel continuare a tessere i fili delle nostre comunità. La convinzione che ci guida – spiega la CEI – è che le criticità, lo smarrimento, la paura non possano spezzare il filo della fede, ma annodarlo ancora di più in speranza e carità.
Chiciseparera.chiesacattolica.it vuole essere anche un punto di riferimento per riscoprire un senso di appartenenza più profondo.
Il nome stesso “Chi ci separerà?” (Rm 8,35) indica un percorso impegnativo: la certezza che, pur circondati da una minaccia, niente potrà mai separarci da quell’Amore che ci unisce, perché figli e fratelli, e ci rende comunità. In questo senso bisogna osare, mettersi in cammino e non fermarsi.
Il sito appena pubblicato intende guardare oltre il tempo presente. E quell’oltre non può che essere anche la qualità di una comunicazione pensata e che faccia pensare. È l’orizzonte a cui tendere.

 

19 marzo, alle 21 la grande preghiera per l’Italia. Anche in Trentino una candela accesa e un drappo bianco alla finestra

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

19 marzo, festa di San Giuseppe. E’ il giorno della grande preghiera per l’Italia: questa sera alle ore 21.00 famiglie, fedeli, ogni comunità religiosa a reciteranno in casa il Rosario (Misteri della luce), simbolicamente uniti alle ore 21.

Alle finestre delle case si propone di esporre un piccolo drappo bianco o una candela accesa.  TV2000 offrirà la possibilità di condividere la preghiera in diretta.

Anche l’arcivescovo Lauro Tisi (che mercoledì 18 ha disposto come ulteriore misura precauzionale la chiusura di tutte le chiese) invita tutta la Diocesi di Trento ad unirsi alla preghiera di oggi, ma sollecita poi a farlo ogni giorno, con intensità, soprattutto all’interno delle famiglie. Per tutto il periodo dell’emergenza, la campana dell’Ave Maria di tutte le chiese suonerà alle ore 20.30. Sarà per tutti un richiamo comune alla preghiera perché possa terminare quanto prima questa tragica calamità.

Anche Papa Francesco accompagnerà la preghiera.

QUI IL TESTO SUGGERITO DALLA CEI PER LA PREGHIERA IN FAMIGLIA O PERSONALE 

Nella foto il lenzuolo appeso alla finestra della sede della Caritas diocesana di Trento.