Il Papa prega per la fine della pandemia: Dio, non lasciarci in balia della tempesta

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Papa Francesco da solo in piazza San Pietro. In tempo di pandemia, una preghiera che resterà nella storia. Commenta il brano evangelico dei discepoli sulla barca in tempesta con Gesù.  “Ci siamo ritrovati impauriti e smarriti. Come i discepoli del Vangelo siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca… ci siamo tutti.”
“Siamo avidi di guadagno, ci siamo lasciati assorbire dalle cose e frastornare dalla fretta. Non ci siamo fermati davanti ai tuoi richiami, non ci siamo ridestati di fronte a guerre e ingiustizie planetarie, non abbiamo ascoltato il grido dei poveri e del nostro pianeta gravemente malato. Abbiamo proseguito imperterriti, pensando di rimanere sempre sani in un mondo malato. Ora, mentre siamo in un mare agitato, ti imploriamo: ‘Svegliati Signore!’.”

Leggi tutto da Vatican News