“Siamo preti per realizzare il sogno di Dio. Così realizziamo anche noi”. Le provocazioni quaresimali del vescovo Lauro al clero trentino

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

“Le scelte vocazionali sono scelte di servizio per il dono di noi.  Non diventate preti per realizzarvi, ma per andare a realizzare il sogno di Dio e la sua Parola e mentre fate quello vi portate a casa la realizzazione di voi”. Don Lauro osserva i giovani studenti di teologia che lo ascoltano dal vivo nella cappella de Tschiderer  del Seminario Diocesano, ma le parole della meditazione quaresimale dell’arcivescovo di Trento sono rivolte a tutto il clero locale collegato in streaming.  Commentando il brano degli Atti che racconta l’incontro tra Filippo e l’eunuco, monsignor Tisi  – nella ricca parte pronunciata a braccio, ad integrazione del testo scritto (SCARICA QUI) – aggiunge con spontaneità, toccando uno dei temi a lui più cari: “Questa è la dinamica che dobbiamo aver presente: il modo per star bene è dedicarsi agli altri e così facendo ti liberi di una buona parte dei tuoi problemi. O vivo per gli altri o infrango il Vangelo: chi ama la sua vita la perde. Bùttati dentro questa opzione!”. Dall’Arcivescovo una provocazione poi a ripensarsi dentro questo tempo di “strada deserta”, sapendo che “lo Spirito è un creativo e trae bene infinito anche da situazioni senza promessa”.

RIVEDI LA MEDITAZIONE INTEGRALE