Primiero in festa per nove anniversari sacerdotali. Il “grazie” di tutta la comunità

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Domenica 27 ottobre davvero speciale  per le comunità del Primiero Vanoi Mis, riunite nella Pieve di Fiera per festeggiare ben nove anniversari di sacerdozio.

60° di don Giuseppe Seppi originario della Val di Non primo direttore nel 1974 del Coro Sass Maor e tra i promotori della scuola musicale in valle.

60° di don Erminio Vanzetta definito da tutti il “prete alpinista”. Parroco per molti anni a Primiero dove nel 1975 venne nominato capo della locale stazione del Soccorso, incarico che ricoprirà fino al 1989, per poi restare come vice capo fino al 2004.

55° di don Giulio Trettel di Transacqua, salesiano impegnato per la comunità nella famiglia di don Bosco. Don Giulio Trettel è teologo e appassionato della storia della Chiesa di Aquileia. Autore tra l’altro del volume «San Cromazio e la liturgia di Aquileia». Sempre presente con progetti e iniziative per il territorio.

55° di don Renzo Corona, originario di Mezzano, scrittore, poeta e pastore in molte parrocchie di Primiero ma non solo.

55° di don Carlo Tisot di Transacqua, parente del Vescovo missionario mons. Fausto Tisot. Celebra messa a Siror, Fiera e Transacqua, è molto noto in valle.

50° di don Giuseppe Lucian di Primiero è parroco storico di San Martino di Castrozza, da sempre vicino alla sua comunità, alla scuola, ai bambini e alle famiglie.

45° di don Silvio Pradel di Transacqua. Ha vissuto per lungo tempo in Germania, celebrando tra gli emigrati italiani. Oggi segue il Monastero delle Clarisse Cappuccine di Tonadico.

40° di don Giampietro Brunet del Primiero, è stato definito “Abate” dal Vescovo Lauro Tisi è da sempre volto noto e firma storica del giornale “Voci di Primiero”.

30° di don Giuseppe Da Pra originario del Cadore, non ha bisogno di presentazioni: Decano di Primiero Vanoi Mis, è da sempre parroco del ‘fare’, grande tessitore di relazioni e citando il Cardinal Parolin: “Emblema di vera carità sacerdotale”.

Un grande momento di festa ma anche di riflessione per la comunità cristiana e non solo. Il grazie ai preti è arrivato infatti dall’intera comunità (il Comune ha donato un quadro ai sacerdoti), per l’impegno e la dedizione, per la pazienza e la disponibilità. (Fonte La Voce del Nordest)