“La Pasqua capovolge la realtà, proietta luce anche sul buio più fitto”: il vescovo Lauro invita a ripartire “preceduti dal Risorto”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

“Il Risorto – è l’annuncio pasquale dell’Arcivescovo Lauro – ha lasciato vuota la tomba, cammina sulle strade della vita e lì ci attende. Da quel giorno non esistono ‘buchi neri’, dove la luce viene risucchiata dalle tenebre. La Pasqua capovolge la realtà, proietta luce anche sul buio più fitto. “

Santa Messa solenne della Domenica di Pasqua, in cattedrale a Trento, presieduta dall’arcivescovo Lauro, davanti al cero pasquale acceso nella Veglia del Sabato Santo e simbolo del Risorto. Ancora una Messa “blindata” dall’emergenza, trasmessa in diretta streaming.

FOTO ZOTTA

Monsignor Tisi nell’omelia si sofferma sulla “sofferenza di chi non ha potuto accompagnare, nel loro patire e morire, i propri familiari”, sull’”amore struggente” che induce profondo “disagio nel vedere i loro volti e le loro storie finire nella fredda conta giornaliera dei morti”.

“Il Risorto – precisa Tisi – lo trovi nel grido vittorioso dei bambini che continuano a nascere, nella dignità con cui molti si abbandonano all’ultimo respiro, nel gesto pieno di tenerezza di chi si sta prendendo cura dei nostri malati, nel sacrificio quotidiano di chi, nell’anonimato, lavora per garantirci i servizi essenziali; nel grande desiderio di tornare al calore dell’incontro personale”. “I tratti del Risorto – suggella don Lauro – stanno tornando a lasciare traccia nelle nostre agende, facendo risaltare le ragioni dell’uomo, a cominciare dal valore della salute e dal bisogno di relazioni autentiche. Quei tratti sono rimasti per troppo tempo relegati a fondo pagina. Coraggio, ripartiamo! Preceduti dal Risorto”.

Hanno concelebrato l’arcivescovo emerito Luigi Bressan (che ha rivolto al termine della celebrazione gli auguri al confratello Tisi e un messaggio pasquale plurilingue), il decano del Capitolo monsignor Lodovico Maule, il parroco del Duomo don Andrea Decarli e il cerimoniere del vescovo monsignor Giulio Viviani che ha curato nei dettagli le celebrazioni della Settimana Santa  in cattedrale.

La regia televisiva è stata affidata a Paolo Holneider.

VEDI QUI TESTO INTEGRALE OMELIA