Istituiti quattro nuovi accoliti per la Chiesa di Trento, un seminarista e tre candidati al diaconato permanente

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

L’arcivescovo Lauro Tisi ha istituito quattro nuovi accoliti per la Diocesi di Trento. Il rito si è svolto nell’Eucarestia celebrata in Seminario nel pomeriggio di domenica 12 gennaio, festa del Battesimo di Gesù.

Uno dei quattro è il seminarista Matteo Moranduzzo, della parrocchia di San Giorgio in Castello Tesino (Unità Pastorale Tesino) incamminato sulla strada del sacerdozio. Gli altri tre accoliti sono candidati al diaconato permanente: Michele Albertani, della Parrocchia di San Giuseppe in Riva del Garda; Michele Maurizio Mastrolitti, della Parrocchia dei Santi Pietro e Paolo in Roncegno, Unità Pastorale Santi Pietro e Paolo: Antonello Siciliano, della Parrocchia di Sant’Andrea in Torbole.

Tra i compiti affidati all’accolito il servizio all’altare e la distribuzione del pane eucaristico, in particolare nella vicinanza agli ammalati.

“Il vostro servizio – ha detto loro nell’omelia l’Arcivescovo – vi metterà a stretto contatto con l’Eucarestia: liberate stupore e meraviglia. Permettete al Pane della vita di trasformarvi in testimoni della Gratuità e dell’Amore pieno di tenerezza del Padre. Non dimenticate che, per il fatto di partecipare con i vostri fratelli all’unico pane, formate con essi un unico corpo.”  QUI E IN ALLEGATO TESTO INTEGRALE OMELIA

Domenica 16 febbraio alle ore 10.00 ad Aldeno sarà ordinato diacono permanente Fabrizio Peterlini, di 50 anni, formazione da elettricista, attualmente usciere al San Camillo.