Il funerale di padre Beppino Taufer. L’arcivescovo Tisi: “Ci manda l’input del povero come luogo in cui incontrare Cristo”

bookmark
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

“Padre Beppino, in tempi non sospetti, ha saputo aprire gli occhi sulla fatica di chi vive il disagio psichico. È bello che la Chiesa di Trento, anche nel volto di padre Beppino, si sia resa presente a Maso San Pietro come segno dell’amore gratuito di Dio, come documento che Gesù di Nazareth produce in noi la possibilità di diventare uomini e donne del Vangelo”: così l’arcivescovo Lauro ha ricordato la vita di padre Beppino Taufer, sacerdote camilliano scomparso giovedì scorso e fondatore della comunità terapeutica Maso San Pietro, a Pergine, per malati psichici.

L’arcivescovo ha celebrato il funerale nella chiesa parrocchiale di Mezzolombardo, paese natale di padre Beppino, assieme al provinciale dei camilliani, padre Bruno Nespoli, e padre Davide Negrini, superiore per il Trentino.

Una testimonianza, quella di padre Beppino, che secondo Tisi ci invita a farci prossimi degli altri, come il Vangelo ci ricorda, soprattutto dei più poveri.