“Grazie all’Eucarestia, diventiamo pane spezzato”. In seminario il vescovo Lauro guida la Messa per il Corpus Domini

bookmark
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

“E’ un grande miracolo che il pane diventi il Corpo di Cristo. Ma l’altro miracolo, altrettanto grande, è che l’uomo, mangiando quel pane, diventi lui pane spezzato. Questa è la grande transustanziazione: io divento il corpo dato, la vita donata, il regalo consegnato”. Così l’arcivescovo Lauro nell’omelia della s. Messa in Seminario, giovedì 3 giugno, in vista della solennità del Corpus Domini (6 giugno). Insieme ai sacerdoti concelebranti, religiose e religiosi e seminaristi si è pregato (in diretta streaming) anche per il dono di nuove vocazioni.

“Papa Francesco – ha aggiunto don Lauro – ci ha ricordato che la Chiesa deve essere in uscita. Ciò accade quando gli uomini e le donne che sono la Chiesa sono, loro stessi, con la loro vita, in uscita. Non abbiamo bisogno di attività in uscita, zona che può aprire il terreno all’autoreferenzialità e al narcisismo”. “E’ meraviglioso che consumando il pane e il vino noi ci impossessiamo della vita di Dio. Uno dei tratti che rendono vero il dono di sé è quanto meno si accorgono che tu sta donando. Non è un caso che Gesù muoia fuori dalla città. Vieni Signore Gesù, donaci l’amore per l’Eucarestia, la consapevolezza che senza Eucarestia non c’è dono di noi stessi”.

RIASCOLTA: