Festival Religion Today, “Il Vizio della Speranza” il film più premiato

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Religion Today Film Festival. A Madonna di Campiglio decretati i film vincitori di questa XXII edizione. Il Vizio della Speranza” di Edoardo De Angelis ha ottenuto ben tre riconoscimenti: “miglior film a soggetto”, “miglior colonna sonora”, e premio della giuria cattolica Signis. 

“Un vero e proprio inno alla vita, alla preghiera e alla resilienza” spiega il direttore artistico del Festival Andrea Morghen “Un film che ci accompagna nelle tenebre dell’umano e riscopre, grazie a una straordinaria fotografia e a una regia magistrale, la bellezza generatrice della donna”.

Driving Lessons, di Marzieyh Riahi ha vinto invece il premio come miglior cortometraggio, un film che nell’essenzialità ha trovato la sua completezza. Il miglior documentario-corto è stato un film emotivamente toccante, che parla di Isis e del popolo Yazida: Kani Spi, di Khesrew Heme Kerim.  Premiato come miglior documentario invece My father’s Son, di Hillel Rate, che con attenzione indaga la relazione tra padre e figlio. Il premio speciale, Nello Spirito della Fede è stato consegnato all’italiano Bangla di Phaim Bhuiyal, una commedia già premiata che parla di immigrazione e delle seconde generazioni, alle prese con il confronto tra paese di origine e paese di residenza. Premiate anche Solene Pietrzyk e Ines Lemaire, la più giovane regista partecipante, con la menzione della giuria Film For Our Future e autrice di “Hermanas”. La prossima edizione farà lei stessa parte della medesima giuria a Trento: ”Questo festival è un incontro tra persone, è molto umano ed è stata un’esperienza unica, dove mostrare il nostro film nato da un’esperienza di volontariato a Bogotà”.

“Quest’anno abbiamo avuto un notevole miglioramento del livello e della qualità delle pellicole” racconta Alberto Beltrami, presidente del Religion Today “confidiamo quindi che questa manifestazione continui a crescere e scoprire la spiritualità insita nei lavori: starà a noi riuscire sempre a farla emergere”. Tanti gli ospiti presenti ai piedi delle Dolomiti, registi, attori e giurati da tutto il mondo per coronare un Festival che non parla solo di cinema, ma di incontro, dialogo e diversità: una festa della convivenza, che si è conclusa proclamando i vincitori delle varie categorie del concorso. Tanti infatti sono stati i premi e i riconoscimenti speciali, consegnati dopo lo spettacolo del gruppo di danza SeeSaw Dance Company di Riva del Garda.