Per i 100 anni della Rurale Alto Garda, 100 mila euro agli oratori

Festeggiato l'importante anniversario con un progetto a sostegno dei giovani
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Una banca celebra i propri cent’anni di vita, destinando 100 mila euro a sostegno degli oratori. Lo fa la Cassa Rurale Alto Garda (già Rurale di Arco) all’interno dell’iniziativa CentoPuntoZero, titolo anche dell’evento che si è svolto sabato 18 maggio al Palazzo dei Congressi di Riva del Garda.  Esattamente il 18 maggio di cento anni fa, era il 1919, si riuniva il comitato promotore per la costituzione della Cassa Rurale di Prestito e di credito di Arco. A festeggiare, con amministratori, direzione e dipendenti, circa duecento ragazze, ragazzi ed educatori di 18 oratori afferenti la zona pastorale del territorio di insediamento della banca. Presenti anche i rappresentanti delle istituzioni – sindaci e assessori dei comuni del territorio di operatività della Cassa Rurale –, i parroci ed i loro collaboratori guidati dal vicario di zona don Dario Silvello.

La Cassa Rurale per questa storica ricorrenza ha promosso e finanziato un progetto il cui slogan ‘celebriamo la storia promuovendo il futuro’ rimarca il proprio investimento sul capitale umano rappresentato dai giovani. Per farlo, la Cassa Rurale ha stanziato una cifra importante, centomila euro appunto, volto a sostenere le esperienze e le iniziative educative e solidali, ma anche ludiche e aggregative degli oratori di tutte le comunità di riferimento. Nelle parole introduttive del Presidente Zampiccoli, così come in quelle dell’arcivescovo di Trento Mons. Tisi (che ha fatto pervenire un video saluto) e del vicario generale nonché presidente dell’Associazione Noi Trento don Marco Saiani, è risuonato con chiarezza un duplice sentimento: quello di riconoscenza per il ruolo educativo, sociale e civile garantito dagli oratori nelle comunità e quello di stima e incoraggiamento da parte del mondo adulto per le nuove generazioni.

L’intervento di don Marco Saiani, vicario della diocesi, alla celebrazione dei cento anni della Cassa Rurale Alto Garda