Anche la firma dell’Arcivescovo per la donazione di organi: “Un atto di civiltà”. Per la Giornata nazionale dieci trapiantati trentini sabato dal Papa.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

(12 aprile) Alla vigilia della  22° Giornata Nazionale Donazione e Trapianto di Organi e Tessuti, in programma domenica 14 aprile, l’Arcivescovo di Trento ha voluto partecipare in prima persona alla campagna di sensibilizzazione accogliendo l’invito rivolto a tutti i trentini di dichiarare il consenso alla donazione di organi e tessuti in caso di morte. Ha spiegato (vedi video qui sotto) il valore sociale e culturale di questa scelta (“un atto di civiltà”), dopo aver compilato l’apposito modulo presso l’Azienda sanitaria. Ma i cittadini possono recarsi anche nel proprio Comune (vedi sito azienda sanitaria). La sensibilizzazione punta ad aumentare la possibilità di espianto degli organi (21 in Trentino le donazioni lo scorso anno) e quindi le speranze dei trapiantati: 18 lo scorso anno e una lista d’attesa sempre significativa. Sabato 13 aprile anche dieci trapiantati trentini parteciperanno con i volontari dell’AIDO (Associazione Italiano Donatori Organi) all’udienza speciale con Papa Francesco che ebbe a definire la donazione “atto nobile e meritorio”. LEGGI SU VATICAN NEWS