Tag Archives: veglia

Invocazione a Pentecoste: “Spirito di comunione e creatività”

Veglia di Pentecoste in cattedrale
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Chiediamo il dono dello Spirito Santo per la nostra Chiesa affinché renda possibile il profondo rinnovamento di cui sentiamo l’esigenza sul terreno della comunione, e spazzando via ogni paura, ci aiuti a liberare la creatività, donandoci l’audacia degli apostoli nell’annunciare il Vangelo di Cristo“.

Così l’arcivescovo Lauro ha accolto l’assemblea riunita per la veglia di Pentecoste, animata dal coro della cattedrale, dai seminaristi e dalla Consulta diocesana delle aggregazioni laicali, celebrata sabato 19 maggio in Duomo, a Trento. “La lettura della parola di Dio ci invita, in questa sera, a guardare la storia della nostra Chiesa e a fare un’analisi del nostro stato – ha esordito il vescovo Tisi -: il testo della Genesi parla di uomini impegnati con malta e mattoni e ci mette in guardia dall’attardarci in operazioni senz’anima, portate avanti come se fossimo pagani, senza renderci conto che abbiamo perso il legame con Gesù risorto. Dobbiamo essere molto sinceri: la comunione è una tattica che usiamo per realizzare i nostri interessi, e l’appello alla comunione ha l’obiettivo sotterraneo di ottenere potere“.

Ecco allora l’invocazione allo Spirito affinché scardini le resistenze all’autentica comunione e renda consapevoli che è un dono: “L’abito del cristiano è la comunione: non è un’opzione, al di fuori di essa non c’è alcuna esperienza possibile di Dio“. Ma siamo un popolo senza memoria, frettoloso e vanitoso: “Ricordati di ciò che ho fatto per te, dice il Signore, ma noi dimentichiamo di portarlo e custodirlo nel cuore come unico tesoro. Dimentichiamo che il Signore ci fa rivivere attraverso lo Spirito, capace di risvegliare anche ossa aride: chiediamo il dono di profeti e testimoni convinti che egli può ridare slancio alla nostra Chiesa, aiutandoci a non fare l’errore dei discepoli che scambiarono Gesù risorto con un fantasma“.

Ci sono uomini e donne che pregano in silenzio, asciugano lacrime, si dedicano al servizio degli altri: “Quando mi vengono in mente i loro volti, sento la speranza rinascere e su di essa poggio il presente e il futuro della Chiesa: chiediamo il dono di incontrare questi testimoni e di imitarli“.

Se la creazione vive il travaglio delle doglie, attraverso questo passaggio doloroso che conduce al parto essa va in direzione del compimento, e l’arcivescovo ha chiesto umilmente la forza di credere nell’esistenza di un grembo che genera vita, citando in conclusione a commento della pagina evangelica il “chi ha sete venga a me e beva” del cardinal Martini, rivolgendosi infine al Risorto: “Fa che ascoltiamo il tuo grido, piega il nostro orgoglio, regalaci il tuo Spirito“. (Patrizia Niccolini)

In cammino verso la luce pasquale

Entra nel vivo la Settimana Santa con il Triduo Pasquale.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Con la Domenica delle Palme (25 marzo) si è aperta la Settimana Santa, che culmina nel Triduo pasquale, cuore della fede cristiana: tre giorni in cui si rivivono, infatti, passione (giovedì santo), morte (venerdì) e risurrezione (sabato, nella veglia pasquale) di Gesù di Nazareth.

Tutte le comunità sono chiamate a raccogliersi in preghiera, in un fitto programma di appuntamenti liturgici.

Le celebrazioni in cattedrale a Trento saranno guidate dall’arcivescovo Lauro, a cominciare dalla Domenica delle Palme: alle ore 09.30 la processione dalla basilica di S. Maria Maggiore, dove saranno benedetti i rami d’ulivo, verso il Duomo per la S. Messa (ore 10.00). Nel pomeriggio alle ore 16.00 il canto dei vespri introduce l’esposizione del Santissimo e l’inizio delle Quarantore, una preghiera pressoché ininterrotta, animata da gruppi parrocchiali della città, movimenti e associazioni ecclesiali fino alla sera del Mercoledì Santo (ore 19.00).

Martedì santo, 27 marzo, ore 20.00 celebrazione penitenziale in cattedrale guidata da monsignor Tisi: sono invitate in particolare le parrocchie della città.

Giovedì Santo, 29 marzo, l’Arcivescovo presiede al mattino (ore 9.30) la concelebrazione della Messa Crismale con tutto il clero trentino e molti fedeli. Nel corso della liturgia vengono benedetti gli olii santi come l’olio del crisma (usato nel conferimento dei sacramenti di battesimo e cresima e nelle ordinazioni sacre) o l’olio per l’unzione degli infermi.

Alla sera del Giovedì Santo inizia il Triduo Pasquale con la s. Messa (20.30) in memoria dell’ultima cena di Gesù e la lavanda dei piedi (l’Arcivescovo rinnoverà il gesto con 12 giovani delle parrocchie cittadine).

Venerdì Santo, 30 marzo, ore 15.00, la celebrazione della Passione e Morte del Signore con l’adorazione silenziosa della croce. In serata l’Arcivescovo guida la Via Crucis nella basilica di S. Maria Maggiore (20.30).

Sabato Santo, 31 marzo, alle ore 21.00 la Veglia pasquale, la celebrazione più solenne dell’anno liturgico. In essa la Chiesa, anche attraverso una ricca simbologia (la benedizione del fuoco, l’accensione del cero simbolo del Cristo, la benedizione dell’acqua battesimale, con il battesimo di due catecumeni adulti e un bambino) proclama la risurrezione di Gesù dalla morte.

Un annuncio riaffermato anche la Domenica di Pasqua, 1° aprile: in cattedrale il vescovo Lauro presiederà la s. Messa alle ore 10.00.

Le principali celebrazioni del Triduo saranno trasmesse da radio Trentino inBlu.