Una luce di speranza, per non dimenticare. Fiammelle alle finestre (anche in Curia) nella Giornata della carità

bookmark
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Mentre si affollano le vie dello shopping, con fiumi di gente apparentemente ignara della gravità della situazione, si accende una luce alla finestra. E’ successo domenica 13 dicembre in contemporanea alle ore 18 in molte case dei trentini ma anche alle finestre di Palazzo Ceschi, sede della Curia diocesana. Nella Giornata della Carità, un piccolo segno per non dimenticare chi sta pagando le conseguenze della pandemia, lotta strenuamente contro il virus o cerca in ogni modo di riprendersi dalle pesante crisi economica. Un segno di speranza e di condivisione con tutti, per rendere visibile “l’esserci” in questo momento così complesso e sospeso. FOTO GIANNI ZOTTA

Sul canale YouTube del Servizio Comunicazione della Diocesi è andato in onda un video con l’accensione simbolica della luce e una preghiera guidata da don Cristiano Bettega, delegato dell’Area Testimonianza e Impegno sociale.