“Serve una conversione ecologica: non più un uomo che signoreggia sulla natura”. Al Buonconsiglio di Trento stimolante confronto “oltre la secolarizzazione”. Rivedi incontri

bookmark
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Una due giorni ricca di provocazioni (venerdì 22 e sabato 23 ottobre) al castello del Buonconsiglio a Trento nella seconda edizione del seminario “Oltre la secolarizzazione” sul tema “La creazione è in pericolo: un cambiamento d’epoca per l’umanità?“.

L’apertura con il filosofo Natoli 

In apertura, le provocazioni del filosofo Salvatore Natoli, che nella sua Lectio ammette: “Siamo in pericolo perché l’uomo, dopo essersi adattato alla natura e averla addomesticata ora sta signoreggiando sulla natura stessa.  Solo riconducendo l’uomo alla sua finitezza – aggiunge Natoli -, egli potrà convivere con tutto ciò che gli sta attorno”.

Dal Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, pur impossibilitato ad intervenire in presenza a Trento, un chiaro messaggio (letto in sala) dal sapore ‘politico’ : “Servono nuove regole per il mondo globale, come la pandemia insegna”.

Le tavole rotonde di sabato 23 

L’iniziativa, giunta alla seconda edizione e promossa dall’Arcidiocesi di Trento (attraverso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose «Romano Guardini») e dal Centro editoriale dehoniano di Bologna, ha visto poi due tavole rotonde nella mattinata di sabato con i filosofi Chiara Zamboni e Roberto Presilla e i teologi Piero Stefani, Marisa Iannucci, Simone Morandini e Letizia Tomassone. “Il tempo è breve. Per la conversione ecologica ci vuole un impegno anche ecumenico e interreligioso” concordano le tante voci, in un messaggio che intreccia varie fedi con l’emergenza ambientale, come testimonia la Laudato si’ di papa Francesco. Un “grande regalo”, definisce l’enciclica l’arcivescovo Lauro Tisi nel saluto introduttivo ai lavori di sabato, perché “ci aiuta a percepire – sottolinea Tisi – noi stessi come parte della creazione, mentre nella storia ci siamo pensati ‘altro’ dalla creazione. Altra provocazione – aggiunge – è quella del ‘custodire’. In un mondo che fatica a percepirsi come un ‘noi’, allergico al prendersi cura, la provocazione della Laudato Si’ a ‘custodire’ va nella direzione giusta”. 

Le registrazioni integrali delle sessioni di lavoro sono disponibili sul canale YouTube dell’Arcidiocesi di Trento:

VENERDI’ 22 OTTOBRE

SABATO 23 OTTOBRE – 1a TAVOLA ROTONDA  

SABATO 23 OTTOBRE – 2a TAVOLA ROTONDA 

GUARDA LA FOTOGALLERY: