Nati in Trentino, la ricerca che piace

Uno sguardo dell'Ottocento che attira molto interesse
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Pubblico delle grandi occasioni venerdì 20 aprile al Vigilianum per la presentazione del volume “Nati inTrentino: 1815-1923: prospettive di ricerca“, uno sguardo sul Trentino dell’Ottocento fra curiosità, infografiche, mappe, saggi scientifici, elenchi dei nomi trentini e molto altro attraverso le schede anagrafiche di quasi 1.300.000 persone, ricostruite grazie  all’Archivio Diocesano Tridentino, in collaborazione con l’Ufficio Emigrazione della Provincia. A introdurre la presentazione del volume (disponibile gratuitamente su: http://www.mondotrentino.net) l’arcivescovo di Trento Lauro Tisi.

A destra nella foto in secondo piano don Livio Sparapani, fondatore del’Archivio diocesano, a cui è dedicato il libro Nati in Trentino.

Qui di seguito, il servizio di Patrizia  Niccolini:

Un milione 300 mila nomi e cognomi, quelli dei “Nati in Trentino” fra il 1815 e il 1923. Dieci milioni di informazioni a disposizione, 7 anni di lavoro e 11 catalogatori impegnati nel lavoro di compilazione. Numeri importanti per il corpus di schede anagrafiche raccolte in una banca dati grazie ad un progetto congiunto tra Arcidiocesi e Provincia Autonoma di Trento che apre a molteplici prospettive di ricerca.

I dati sono stati ricavati dai registri conservati all’interno degli Archivi Storici delle Parrocchie del Trentino, microfilmati da don Livio Sparapani nel corso degli anni Ottanta del secolo scorso. E proprio a lui, che ebbe la felice intuizione, è dedicato il testo curato dalla vice-direttrice dell’Archivio diocesano Katia Pizzini e da Chiara San Giuseppe, dell’Ufficio Emigrazione di Trento, presentato venerdì 20 aprile in una affollata aula conferenze del Polo culturale Vigilianum, a Trento.

“Oggi più che dati presentiamo la storia di chi, nato in Trentino, e magari vissuto anche solo per poche ore o giorni, ha lasciato una traccia: su di essa è possibile lavorare per capire meglio il nostro passato e immaginare il futuro”, ha detto nel saluto introduttivo il direttore Leonardo Paris.

“In tempi di non-luoghi, una ricerca come questa mostra quanto sia interessante invece dare ai luoghi un’identità attraverso la via dei volti – ha detto il Vescovo Tisi -: una provocazione salutare a ritrovare senso di appartenenza. Avremo futuro se, dentro le organizzazioni, daremo spazio a nomi e volti concreti. Il Trentino di oggi è tale anche grazie a volti anonimi e strutture e procedure devono ritrovare la gioia di frequentare le storie delle persone: sono i volti ad avere la custodia del futuro”.

“I registri parrocchiali hanno mantenuto memoria delle nostre comunità e i libri dei nati sono giacimenti culturali: sfogliando quelle pagine abbiamo scoperto curiosità, notizie, aneddoti e abbiamo ritenuto che questo prezioso patrimonio dovesse essere interpretato e messo a disposizione”, ha spiegato Pizzini.

Arricchito di mappe, liste, infografiche, curiosità, ritratti, il libro si caratterizza per un’accattivante veste grafica, dando valore non solo ai numeri: “In un libro di nomi e cognomi, abbiamo inserito anche i volti, un modo per ricordare le persone dietro ad essi e le loro vite, rendendo omaggio agli antenati, attingendo al patrimonio di ritratti, anonimi, conservato nell’Archivio Fotografico Storico della Provincia”, ha aggiunto San Giuseppe.

Il volume è maturato nell’ambito della legge provinciale 379/2000 “La cittadinanza italiana per gli emigrati dal Trentino”, e le potenzialità del progetto, articolato in dieci saggi, affiancati da schede di approfondimento, sono tutte da scoprire. I dati a disposizione sono infatti utili per studi che coinvolgono numerosi campi di indagine, spaziando dall’ambito storico-sociale a quello demografico, da quello onomastico a quello linguistico, fino a quelli genetici e storico-economico. Numerose le collaborazioni con prestigiosi Atenei italiani, da quello di Firenze, a quelli di Torino e Bologna, avvalendosi anche dei contributi dell’Archivio provinciale e di Stato di Trento.

All’incontro hanno partecipato il presidente della Società italiana di demografia storica Alessio Fornasin (Università degli Studi di Udine) e Patrizia Cordin (Università degli Studi di Trento), autrice di uno dei saggi, dedicato ai cognomi trentini.