La Chiesa che fa (buona) notizia. Eco positiva per l’apertura di San Massimiliano Kolbe ai senza dimora

bookmark
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Ha destato interesse anche in ambito nazionale la notizia dellapertura della chiesa di San Massimiliano Kolbe a Centochiavi (Trento Nord) per l’accoglienza dei senza dimora, grazie alla disponibilità della Diocesi. La struttura – che va ad integrare il progetto di accoglienza coordinato del Tavolo Inclusione della Provincia Autonoma – ha aperto i battenti venerdì 29 gennaio e può ospitare per la notte quaranta persone, assistite dai volontari della Caritas diocesana. Oltre a giornali, tv e social locali (qui ad esempio il servizio della TGR Trento), della vicenda si sono occupati anche l‘agenzia cattolica Sir, avvenire.it, famigliacristiana.it., Studio Aperto (Mediaset).  Colpiscono in positivo i commenti sui social, spesso poco indulgenti in merito alle vicende ecclesiali: “Questa è la Chiesa che ci aspettiamo”.

Nella foto Zotta l’arrivo dei primi ospiti nella chiesa trasformata in dormitorio.