Cattedrale di Trento, prosegue l’allestimento ponteggi per il restauro. Fino al 24 ottobre inagibile la navata centrale

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Entra nel vivo il restauro della cattedrale di Trento. In questi giorni è stata infatti avviata l’ultima fase di installazione del ponteggio nella navata centrale.
Per comprensibili ragioni di sicurezza ed operatività, i lavori richiedono la chiusura e l’occupazione dell’intera stessa navata sino alla zona dell’ambone e della Cattedra dell’Arcivescovo, ai piedi della gradinata dell’altare maggiore.

L’installazione dei ponteggi in questa zona del Duomo terminerà mercoledì 23 ottobre. Pertanto le celebrazioni liturgiche festive di questo e del prossimo fine settimana (12-13 ottobre e 19-20 ottobre), così come nei giorni feriali, si svolgeranno in un contesto di particolare ristrettezza e disagio per i celebranti e per i fedeli che non potranno essere accolti nella navata centrale, ma solo nel transetto ed eventualmente nel coro/abside.

La navata centrale della Cattedrale sarà sgomberata da tutti i materiali dei ponteggisti e completamente riordinata e ripulita entro giovedì 24 ottobre, data in cui saranno rimosse le recinzioni e consentito nuovamente l’accesso dei fedeli, così come all’altare dell’Addolorata e alla cappella del Crocifisso.

Questo secondo lotto del restauro, avviato il 15 luglio scorso, avrà la durata di due anni ed andrà a completare l’opera già realizzata sulla navata nord e conclusa nell’estate 2018L’intervento conservativo riguarda il paramento lapideo interno: oltre alle navate centrale e sud, si porrà mano al transetto, al tiburio, al coro e all’abside della chiesa “madre” intitolata a San Vigilio. I lavori sono affidati alla ditta Lares Restauri di Venezia.