Aperti due bandi per il servizio civile

Attivi otto bandi per servizio civile nei negozi Altr’Uso della Caritas, negli oratori e al polo culturale Vigilianum

bookmark

Il 1° settembre negli oratori trentini, al Polo culturale diocesano “Vigilianum” di Trento e alla Caritas di Trento e di Rovereto partiranno otto progetti di Servizio civile universale provinciale (Scup) rivolti ai giovani dai 18 ai 29 anni. I posti complessivi per i progetti, che hanno una durata di 12 mesi (30 ore settimanali), sono quattordici.

Sono diversi gli oratori in cui partiranno nuovi progetti: San Michele all’Adige (un posto), Riva del Garda (due posti), Arco (due posti) e Borgo Sacco (un posto). I giovani coinvolti in questi progetti avranno la possibilità di partecipare alla vita degli oratori, tra attività di aiuto compiti e di solidarietà: nel caso dell’oratorio di San Michele all’Adige, per esempio, i giovani presteranno servizio anche tra le fila dei volontari di “Rotaliana Solidale”, che aderisce a Trentino Solidale odv. Oltre al Servizio civile negli oratori, a settembre partirà anche un progetto presso la sede dell’Associazione Noi Oratori di piazza Fiera: “Oratori InsideOUT! Comunicazione social e web”. Il giovane selezionato entrerà a far parte del gruppo che si occupa di promuovere e di raccontare, attraverso i social media e il web, le diverse iniziative promosse dalla rete degli oratori. Le iscrizioni per i bandi negli oratori chiudono martedì 23 luglio.

Scadono invece venerdì 26 luglio le iscrizioni ai progetti che si svolgeranno al Polo culturale diocesano “Vigilianum” di Trento (tre posti) e nei negozi Altr’Uso della Caritas di Trento e di Rovereto (due posti in ciascun esercizio commerciale). Il progetto al Vigilianum chiamerà i ragazzi a valorizzare il patrimonio culturale. Tra le competenze che si apprendono ci sono l’organizzazione di contenuti informativi in ambito digitale, la riproduzione digitale di materiale librario antico, la gestione e il riordino della sala lettura e dei depositi, il contatto con il patrimonio culturale e la collaborazione nella gestione delle attività didattiche e culturali. Si imparano anche le tecniche di catalogazione e gestione degli archivi e il metodo ricerca d’archivio.

I quattro giovani che saranno selezionati per il progetto svilupperanno competenze di tipo pratico nella gestione del punto vendita e impareranno ad entrare in relazione con l’utenza che lo frequenta e inoltre saranno chiamati a lavorare in team.

Per maggiori informazioni leggere i bandi dei progetti.