14 maggio, giornata di preghiera per l’umanità. Propone il Comitato per la Fratellanza Umana

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Un messaggio in tredici diverse lingue, dal persiano allo swahili, per i “fratelli”, che credono in Dio Creatore, per i “fratelli” in umanità ovunque. Lo rivolge l’Alto Comitato per la Fratellanza Umana, in questo tempo segnato dal coronavirus, proponendo di fissare al 14 maggio “una giornata di preghiera, di digiuno e i invocazione per l’umanità”. Il Comitato si ispira al Documento sulla fratellanza umana, formato da papa Francesco e dal grande imam di al-Azhar ad Abu Dhabi. L’invito è rivolto ai leader religiosi e a tutte le persone nel mondo, rivolgendosi  “a Dio ad una sola voce, perché preservi l’umanità, la aiuti a superare la pandemia, le restituisca la sicurezza, la stabilità, la salute e la prosperità, e renda il nostro mondo, eliminata questa pandemia, più umano e più fraterno”. LEGGI TUTTO da VATICAN NEWS