Tag Archives: passi di vangelo vescovo lauro

Passi di Vangelo, il vescovo Lauro: “Lasciare la prospettiva di essere ammirati è imitare la vita stessa di Dio”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

La basilica di Santa Maria Maggiore a Trento ha accolto, giovedì 29 gennaio, l’appuntamento di “Passi di Vangelo” con il vescovo Lauro. Tema dell’incontro, trasmesso anche in diretta streaming video, era “Lasciare“: quando la vita ci pone davanti ad un bivio, cosa lasciare e cosa portare con sé? Come scegliere e come rimanere fedeli alla scelta fatta? E Dio, c’entra con le scelte?

A riflettere con i giovani di questi temi, all’inizio dell’incontro, è stato don Devis Bamhakl, sacerdote novello ordinato a settembre 2020 ed ora vicario parrocchiale ad Aldeno, che si è trovato proprio di fronte ad un bivio: continuare con la sua carriera in polizia, oppure seguire la voce del Signore che lo chiamava? Dopo un’esperienza in Terra Santa, don Devis ha confidato di non aver avuto più dubbi sulla scelta da fare.

Cuore dell’incontro è stato invece il vangelo di Matteo (6,1-8.16-18), dal quale il vescovo Lauro ha basato la sua riflessione: “Nell’umanità di Gesù – ci ricorda San Paolo – “abita corporalmente tutta la pienezza della divinità.” (Col 2,9) Dobbiamo tenere fisso lo sguardo su di lui, come ci rammenta la lettera agli Ebrei, se vogliamo conoscere la vita di Dio. L’esistenza di Gesù rivela in modo inequivocabile come sia distante anni luce da Dio la dinamica del farsi ammirare. Il bisogno di essere guardati e lodati è segnale inequivocabile di indigenza. Chi entra in questa dinamica, finisce in un corto circuito alimentato solo dall’applauso e dall’approvazione di altri. Inoltre, la sua esistenza diventa una fake-news: quel volto non rappresenta la verità; gesti e parole sono disabitati.  Lasciare la prospettiva dell’essere ammirati non è in primis una buona azione morale, è imitare la vita stessa di Dio“.

SCARICA QUI LA RIFLESSIONE DEL VESCOVO LAURO

Passi di Vangelo, il vescovo Lauro: “Come Giuseppe, rifuggiamo l’odio e il rancore, frequentiamo i nostri sogni, liberiamo benevolenza”

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Giovedì 12 novembre “Partire”, il primo incontro dell’iniziativa Passi di Vangelo, col vescovo Lauro, è stato trasmesso in diretta streaming video dalla chiesa del Seminario di Trento: l’attuale situazione sanitaria infatti ha sconsigliato un ritrovo aperto alla partecipazione pubblica.

Ad introdurre la serata sono stati Giulia e Martino, giovane coppia di freschi sposi che hanno raccontato la loro esperienza che li ha portati a dire il loro “sì”, a “partire” per l’appunto. Cuore dell’incontro è stato invece il brano del vangelo secondo Matteo (1,18-25), che racconta dell’annunciazione in sogno a Giuseppe.

“Nazareth, sperduto villaggio alla periferia dell’impero -inizia il vescovo Lauro nella sua riflessione- racconta un Dio che si muove in punta di piedi. Entra dalla porta di servizio, affida il suo progetto alla risposta libera di due giovani adolescenti, Maria e Giuseppe. Dio in Gesù fa il suo ingresso nella Storia e cammina concretamente con noi”.

Il vescovo analizza poi la reazione di Giuseppe, che “non permette al rancore di avvelenargli l’animo. Quante volte –invece– l’odio e il risentimento ci avvelenano la vita. Annebbiano la vista, ci impediscono di confrontarci con quanto sta capitando. Ancora: Giuseppe è un buono, ha l’animo grande, non vuol far del male, tant’è vero che “decide di ripudiarla in segreto”. È davvero triste sentir liquidare la bontà come “buonismo”. Giuseppe, grazie alla rinuncia all’odio rimane libero, coglie la complessità delle realtà e si apre a nuove idee e soluzioni”.

“Mentre siamo spiazzati dalla pandemia -conclude don Lauro- siamo invitati a far nostri gli atteggiamenti di Giuseppe: rifuggire l’odio e il rancore, frequentare i nostri sogni, liberare benevolenza. Potremmo così –come Giuseppe– affidare un nome a quel Bambino: “Lo chiamerai Gesù”. E riconoscere che il buio di quest’ora può diventare un tempo prezioso per riscoprire che solo chiamando fratello e sorella chi ci sta accanto, potremmo gustare la vita“.

LEGGI QUI LA RIFLESSIONE DEL VESCOVO LAURO

Passi di Vangelo, l’appuntamento di giovedì 12 novembre col vescovo Lauro sarà in diretta streaming

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Giovedì 12 novembre “Partire”, il primo incontro dell’iniziativa Passi di Vangelo, col vescovo Lauro, sarà trasmesso in diretta streaming video a partire dalle 20 (LINK ALLA DIRETTA QUI).

L’attuale situazione non permette infatti l’incontro in presenza presso il Collegio Arcivescovile, come comunicato precedentemente: rimane l’invito a partecipare a distanza per seguire la diretta.

Introdurranno la serata due giovani sposi, che condivideranno coi noi i passi che li hanno portati a scegliere il matrimonio; cuore dell’incontro sarà il brano del vangelo secondo Matteo (1,18-25).

A questo link è disponibile la TRACCIA PER LA PREGHIERA.