6 gennaio, Epifania dei popoli: in cattedrale (ore 10.00) il volto di una Chiesa universale

S. Messa con l'arcivescovo Lauro animata dai rappresentanti dei popoli
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Domenica 6 gennaio la Chiesa celebra la solennità dell’Epifania, la festa in cui si ricorda la manifestazione di Gesù ai tre Magi venuti dall’Oriente.Alle ore 10.00 in Duomo la celebrazione dell’Eucarestia presieduta dall’Arcivescovo. Quest’anno la s. Messa mattutina coinciderà con la tradizionale “Epifania dei popoli” (solitamente collocata al pomeriggio): la liturgia sarà, infatti, animata dai rappresentanti delle popolazioni presenti in Trentino. Al termine della celebrazione è prevista inoltre la “benedizione dei bambini“, gesto tradizionale del giorno dell’Epifania.

L’appuntamento, ormai consolidato per i popoli e per i trentini stessi, si prefigge lo scopo di sottolineare come la Chiesa sia realmente universale, aperta a tutti i popoli e a tutte le culture, a tutte le forme di preghiera e di celebrazione, di testimonianza e di vita cristiana. Un’apertura non scontata e non senza fatiche, ma anche unica strada possibile per una convivenza armoniosa, a vantaggio di tutti. E unico terreno anche alla base del dialogo tra diverse religioni, come è stato ampiamente sottolineato a Trento il 1 gennaio, Giornata Mondiale della Pace, con lo scambio del Pane della pace tra cristiani e musulmani.

Nelle foto di G. Zotta l’edizione 2018 dell’Epifania dei Popoli.