Primiero saluta i frati e abbraccia le clarisse

A Tonadico passaggio di testimone. Il "grazie" del vescovo Lauro
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

(Tonadico). Domenica 12 febbraio, alla messa delle ore 11.00, una chiesa gremita di fedeli, provenienti un po’ da tutte le parrocchie del Decanato, ha salutato i padri Cappuccini che dopo ben 95 anni di permanenza lasciano il Convento di Tonadico. Una funzione semplice, molto partecipata, toccante per certi aspetti, durante la quale si percepiva il rammarico e la tristezza per questa partenza inaspettata. La celebrazione eucaristica era presieduta da padre Roberto Genuin, superiore provinciale del Triveneto dei frati cappuccini. Accanto a lui padre Giancarlo Girardi, delegato Diocesano per la vita consacrata in rappresentanza dell’Arcivescovo di Trento, il decano di Primiero, don Giuseppe Daprà, e i parroci e collaboratori pastorali del decanato di Primiero. Dopo la comunione i saluti ufficiali. Padre Giancarlo Girardi, ha letto il messaggio di ringraziamento dell’arcivescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi, impossibilitato a presenziare, nel quale esprime tutta la sua vicinanza “in questo significativo momento di passaggio,che caratterizza ciascuna delle vostre comunità, parte viva dell’unico popolo di Dio che abita tra queste splendide montagne”. Ha ringraziato, poi, i Cappuccini perché “avete scolpito il messaggio francescano nel cuore di tanti primierotti, non a parole, ma con i fatti, divenendo una presenza amata e giustamente rimpianta. Il dispiacere che accompagna la vostra partenza, ve lo posso dire con sincerità, è anche il mio”.

Il sindaco di Primiero San Martino di Castrozza, Daniele Depaoli, nel ringraziare i frati, ha evidenziato l’importante ruolo da loro svolto in questi quasi cento anni nel servizio alla comunità. “Non possiamo nascondere la sofferenza per questo distacco, ha detto il decano don Giuseppe Daprà, vogliamo ringraziare tutti i padri cappuccini che sull’esempio di san Francesco hanno attraversato questa terra del Primiero”.

Toccante il ringraziamento di padre Paolo, guardiano del convento. “Sono quasi tre anni che sono qui, ha esordito, ho vissuto questo tempo bene. Mi sono trovato veramente bene, nel vero senso della parola. Ho una regola fondamentale:ogni posto e ogni tempo è di Dio. Trovi le difficoltà, trovi gli intoppi, trovi le gioie, trovi le soddisfazioni, trovi tante cose, però tutte se le metti nel tempo e lo spazio di Dio, allora la vita è bella. Grazie di tutto cuore e vi ricordo”. “Io vi dico ciao, ha detto invece padre Lorenzo, perché in veneziano significa lasciarvi con la possibilità di rimanere al vostro servizio. Siamo servi di tutti, abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Chiedo scusa della mia pazienza. Ciao”. Infine, il padre provinciale ha ringraziato l’intera  comunità per l’accoglienza riservata ai fratelli in questi lunghi anni. “Se i frati si sono trovati bene, ha detto, anche la gente li ha trattati bene. Continuerà il bene francescano in  questa chiesa. Di una cosa non ci possono essere dubbi: la mano di Dio non si è rimpicciolita. Anzi, il Signore continua a concedere sempre a tutti coloro che lo vogliano gli aiuti necessari per una vita buona. Non possiamo che affidarci a lui. Affidiamo al Signore questo convento e il Primiero chiedendo con insistenza che si degni di continuare a sorreggerci”. Alla santa messa erano presenti anche tre delle nove suore clarisse che prenderanno il posto dei frati. Le altre arriveranno verso la fine di febbraio e il loro insediamento ufficiale è previsto per sabato 4 marzo.  “Sono state scosse – dice ancora l’Arcivescovo nel suo saluto – da una terra drammaticamente inquieta, che ora le costringe a lasciare le Marche per il Trentino. Sono certo che la loro presenza orante porterà un gran bene alla nostra comunità diocesana e a questa vostra chiesa locale. Buon cammino a voi fratelli cappuccini che lasciate Tonadico ma continuate ad annunciare altrove la gioia del Vangelo. E benvenute voi, sorelle, che di quella stessa gioia siete testimoni silenziose, ma non meno efficaci. Della vostra presenza beneficerà la comunità di Tonadico e di tutto il Primiero, pronta ad accogliervi come solo la gente di montagna sa fare.

 

(Bruno Bonat per Vita Trentina)