Trione racconta lo spirituale dell’arte contemporanea

Al Vigilianum giovedì 26 17.30. Incontri in sinergia con Unitn
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Secondo appuntamento al Vigilianum giovedì 26 ottobre alle ore 17.30 nel ciclo di incontri “Dialoghi. Cristianesimo, trasformazione, contemporaneità”, frutto della collaborazione fra il Polo Culturale Diocesano, il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento, la Biblioteca civica “G. Tartarotti” di Rovereto e il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto. Dopo il primo incontro con Elio Franzini (Le origini di un’estetica cristiana) giovedì 26 interviene  Vincenzo Trione su Lo spirituale dell’arte contemporanea. Trione, storico dell’arte dell’Università IULM di Milano, affronta il rapporto tra spiritualità e arte contemporanea. Nella Lettera agli artisti del 1999 Giovanni Paolo II affermava che, anche quando pare lontana dalla chiesa, l’arte ha una profonda affinità con il mondo della fede perché costituisce una sorta di appello al mistero. Che cosa significano queste parole? Esiste una ricerca artistica intorno all’invisibile, all’eterno, a ciò che sta al di là del reale? C’è spazio per la preghiera nell’arte? Il tempo dedicato a percorrere queste domande aiuta a nutrire non solo la propria formazione culturale, ma anche la tras-formazione della propria interiorità spirituale.

Altri appuntamenti:

15 marzo 2018: Rinaldo Ottone: Edipo e la croce: figure del tragico fra classicità e cristianesimo

22 marzo 2018: Mauro Ceruti: Cristianesimo e morte di Dio nel mondo globalizzato

L’intento del ciclo è quello di affrontare, con l’aiuto di competenze diverse e di uno stile accessibile a tutti, l’intreccio che lega il cristianesimo e la cultura: dalle radici classiche alle provocazioni contemporanee. La cultura europea si è sempre nutrita dello scambio, qualche volta pacifico e qualche volta aggressivo, con le grandi tradizioni religiose e i grandi movimenti dello spirito che la hanno resa quella che è, con la sua ricchezza e la sua curiosità, le sue luci e le sue ombre.

A tali incontri si affiancano gli appuntamenti del Seminario permanente “Mario Untersteiner”, il giorno seguente presso palazzo Fedrigotti a Rovereto (27 ottobre; 16 e 23 marzo). Un segno concreto di collaborazione che si iscrive nel solco della convenzione fra l’Ateneo Trentino e l’Arcidiocesi di Trento.

Gli incontri sono validi ai fini dell’aggiornamento dei docenti della Provincia di Trento