Fake news e verità, Papa scrive ai comunicatori

Messaggio per 52a Giornata delle Comunicazioni sociali
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Si è celebrata mercoledì 24 gennaio la festa di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti. Nell’occasione, come di consueto, è stato reso noto il messaggio del Papa per la 52a Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, quest’anno in calendario domenica 13 maggio, sul tema “La verità vi farà liberi” (Gv 8,32) – Notizie false e giornalismo di pace”. Al centro, dunque, le cosiddette fake news, “informazioni infondate – le definisce Francesco nel messaggio, diffuso oggi a mezzogiorno dalla sala stampa vaticana –, basate su dati inesistenti o distorti e mirate a ingannare e persino a manipolare il lettore”.  “Il miglior antidoto contro le falsità non sono le strategie, ma le persone”, nota ancora Bergoglio, attribuendo ai giornalisti una particolare responsabilità. Li definisce, infatti, “custodi delle notizie”, titolari non solo di “un mestiere, ma di una vera e propria missione”.   Per “arginare il fenomeno delle fake news serve un “giornalismo di pace” ma “non buonista”, che sia “ostile alle falsità, a slogan ad effetto e a dichiarazioni roboanti”. Un “giornalismo fatto da persone per le persone, e che si comprende come servizio a tutte le persone”.

In relazione al tema, l’Ufficio Comunicazioni sociali della Diocesi e le sezione regionale dell’UCSI (Unione Cattolica Stampa Italiana) hanno messo in cantiere una serie di iniziative, compreso un seminario formativo nel mese di maggio.

Per celebrare San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti, è in programma una s. Messa sabato 27 gennaio alle ore 11.00, nella cappella all’interno del giardino del palazzo vescovile, con accesso da via s. Giovanni Bosco. La S. Messa sarà presieduta da monsignor Giulio Viviani, assistente UCSI. L’invito è esteso a tutti i colleghi.

Qui il link al sito della Santa Sede con il testo integrale del messaggio.