Tag Archives: ognissanti

“La morte accomuna tutti e restituisce senso alla vita”

Ognissanti, vescovo Lauro sul cimitero di Trento: “Fa abbracciare la luce calda della fraternità, come in questi tragici giorni”
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“La morte accomuna tutti, e annulla ogni diversità. Va al di là delle identità e dello stato sociale. Ci costringe a uscire dalle zone d’ombra dell’odio e della competizione per abbracciare percorsi di comunione, la luce calda della fraternità, come stiamo sperimentando anche in questi tragici giorni”. E’ un passaggio dell’omelia dell’arcivescovo di Trento Lauro Tisi nella s. Messa per la solennità di Tutti i Santi, oggi pomeriggio al cimitero di Trento. Molti i fedeli presenti, così come in tutti i cimiteri del Trentino dove si rinnova il silenzioso pellegrinaggio sulle tombe dei propri cari.

Monsignor Tisi invita a considerare la lezione di “vita vissuta pienamente” anche da chi muore in giovane età, storie – rileva –  che tuttavia “rischiano di finire sepolte sotto il flusso incalzante delle nostre cronache quotidiane”. E sottolinea: “La morte riscrive il codice esistenziale di ciascuno di noi. Rimette in ordine la scala delle priorità. Paradossalmente, restituisce senso alla vita stessa”. “In questi giorni – aggiunge – , in cui andiamo a rivedere i volti dei nostri cari, abbiamo la grande opportunità di riconciliarci con la vita, dando ragione all’apostolo Paolo quando scrive che l’Amore non passerà”.

Citando, infine, l’Apocalisse, rammenta: “Il nostro non è un Dio che fa selezione in base al colore della pelle e all’appartenenza religiosa. E’ il padre proprio di tutti, a cominciare dai poveri, dagli ultimi, dai senza nome”.  “La santità cristiana, allora, è alzarsi ogni giorno provando a pensare e trattare gli altri semplicemente come fratelli e sorelle”, ha concluso l’arcivescovo. FOTO GIANNI ZOTTA

in allegato testo omelia

Santi e defunti, vescovo celebra al cimitero di Trento

Martedì celebrazione penitenziale in Duomo
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Nella solennità di Ognissanti, giovedì 1 novembre, l’arcivescovo Lauro presiederà la tradizionale s. Messa sul cimitero monumentale di Trento, con inizio alle ore 14.30. Il giorno dopo, venerdì 2 novembre, commemorazione dei defunti, monsignor Tisi guiderà alle ore 11.00 la celebrazione eucaristica presso il sacrario militare del cimitero del capoluogo, in memoria dei caduti di tutte le guerre.

Una celebrazione “comunitaria” della Riconciliazione, guidata dall’arcivescovo Lauro affiancato dai parroci di Trento, si è svolta nella serata di martedì 30 ottobre.  L’invito era rivolto ai fedeli di tutte le parrocchie cittadine.

Ognissanti, vescovo Lauro: “Beato chi cerca le felicità degli altri”

Folla al cimitero di Trento. "I Santi contestazione al sistema tecnologico-finanziario"
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

 

Il cimitero “non custodisce la morte”, ma il “tesoro vivo” dei nostri cari. Così l’arcivescovo Lauro nell’omelia della s. Messa per la solennità di Tutti i Santi, nel pomeriggio del 1 novembre, sul cimitero di Trento, davanti a migliaia di fedeli in visita alle tombe di parenti e amici. Nel giorno del suo 55° compleanno, Monsignor Tisi commenta la pagina biblica dell’Apocalisse e delle beatitudini evangeliche e sottolinea che “felicità e beatitudine non consistono nel piccolo cabotaggio di una vita che mira solo allo ‘star bene’. Ma felici sono l’uomo e la donna che mirano a ‘far star bene’, provano gioia nel rimanere presso l’altro, nel cercarne la felicità”. E’ questa – argomenta – la direzione del Regno di Dio, ma anche quella indicata dalle nostre lacrime, nel ricordo struggente del volto di chi abbiamo amato.  “Per questo, ci ribelliamo all’idea che il nulla li abbia inghiottiti e l’amore individua ogni strada per impedirne l’oblio”.”Con le nostre lacrime diciamo che c’è qualcosa di più grande, c’è un di più che nessuno può toglierci” ha ammesso don Lauro, definendo la festa dei Santi una “contestazione poderosa al sistema tecnologico-finanziario, nuova religione che vorrebbe chiudere gli uomini dentro lo schermo di uno smartphone e in una frenetica ossessione operativa”. “I nostri cari – ha ribadito con passione – ci provocano: non lasciarti rubare la parte più bella della vita!”.”Preghiamo – ha concluso – per la Chiesa, affinché non domandi spazi per sé, ma abbia il compito di raccontare il Dio di Nazareth, della beatitudini” per ribadire  “che l’uomo vive non di pane, ma di amore e di relazioni”. La s. Messa è stata concelebrata dai parroci della città. Giovedì 2 novembre l’Arcivescovo presiede al sacrario militare di Trento la s. Messa alle ore 11.00 in memoria dei caduti di tutte le guerre.

Foto Zotta

ALLEGATO TESTO OMELIA

Santi e defunti, a Trento le celebrazioni con il vescovo Lauro

1 novembre ore 14.30, 2 novembre ore 11.00
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Nella solennità di Ognissanti, mercoledì 1 novembre, l’arcivescovo Lauro presiederà (nel giorno del suo 55° compleanno) la tradizionale s. Messa sul cimitero monumentale di Trento, con inizio alle ore 14.30. Giovedì 2 novembre, commemorazione dei defunti, monsignor Tisi guiderà alle ore 11.00 la celebrazione eucaristica presso il sacrario militare del cimitero del capoluogo, in memoria dei caduti di tutte le guerre.

Martedì 31 ottobre, alla vigilia delle due importanti date del calendario liturgico, l’Arcivescovo dedicherà (come già accaduto lo scorso anno) l’intera giornata alla confessione dei fedeli nella basilica di S. Maria Maggiore a Trento, per chiunque voglia accostarsi personalmente al sacramento della Riconciliazione. Una celebrazione “comunitaria” della Riconciliazione, guidata dall’arcivescovo Lauro affiancato dai parroci di Trento, si svolgerà lunedì 30 ottobre in cattedrale alle ore 20.30. L’invito è rivolto ai fedeli di tutte le parrocchie cittadine.