“Offriamo un’opportunità”

Il docente di religione
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Oltrepassare la soglia di una classe è un buon modo per rendersi conto di come sia la nostra società, dei suoi cambiamenti, di ciò che la distingue e della direzione in cui stiamo andando. Gli studenti, sono anche lo specchio del rapporto che hanno le nuove generazioni, ma non solo, con il mondo della religione e in generale della spiritualità. A volte emerge un preoccupante analfabetismo religioso mentre altre volte si riconoscono tracce, più o meno sicure, di un cammino cristiano. Dietro ad un’ostentata indifferenza si nasconde sempre un po’ di curiosità, la voglia di conoscere, magari di criticare, il fascino del mistero e il bisogno di cercare.

In questo contesto un insegnante di religione cattolica ha la possibilità di percorrere molte strade: far nascere domande, affrontare dubbi, chiarire idee, accompagnare ricerche, far maturare risposte, condurre al confronto, indicare l’orizzonte.

Perciò insegnare religione cattolica è non solo importante, ma anche interessante e avvincente; vuol dire far comprendere l’essenza del cristianesimo, quali sono i suoi fondamenti, le sue tracce nella storia e nel mondo in cui viviamo, quale senso può dare alla vita degli uomini di domani. Ma forse l’importanza di un insegnamento (e di un insegnante) di questo genere è innanzitutto il fatto di esserci, di offrire un’opportunità.  La sua vocazione è quella di essere porta e quindi dare possibilità di entrare, di trovare accoglienza, di ascoltare ed essere ascoltato. È portatore di un messaggio e una parola (anche con la P maiuscola) che è sempre attuale, nuova, anche perché magari qualcuno non l’ha mai sentita o ne ha recepito degli echi distorti e lontani. La motivazione di ogni insegnante è la passione di trasmettere qualcosa di importante e la gioia sentire che questo può aiutare qualcuno a crescere.  Ovviamente questo non si improvvisa, ci vuole una seria preparazione e la voglia di crescere con i propri studenti, con la consapevolezza di essere insegnanti di stile diverso.

Cesare Bernard, docente di IRC presso l’Istituto di Istruzione “La Rosa bianca”, Predazzo