Esulti il coro degli angeli, gioisca la madre Chiesa!

Il solenne annuncio pasquale da cantare nella Veglia del Sabato Santo
Liturgia
Musica Sacra

Era un rotolo finemente istoriato per raccontare solennemente con le immagini e il canto le meraviglie della notte davvero gloriosa  “che ricongiunge la terra al cielo e l’uomo al suo creatore!” Ci volevano 30 pecore per confezionare il rotolo e mentre veniva dispiegato durante il canto apparivano (come moderne slides) le immagini ad illustrare quanto si stava cantando. L’Exsultet è diventato così un canto privilegiato nella Veglia pasquale, tradizionalmente affidato al diacono ma, come dice il Messale, con la possibilità di farlo cantare anche da un cantore.

Il testo è da proclamare senza fretta, sottolineando il carattere solenne e festoso dell’Annuncio. La partecipazione dell’assemblea convocata si fa ascolto attento e concentrato intervenendo nel dialogo centrale e nell’amen finale.

Offriamo qui la versione in italiano anche con una esemplificazione audio.