Vescovo lava piedi ai giovani: “Si è padroni servendo”

Messa in Coena Domini. Venerdì Santo: adorazione della croce
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Come Gesù con i suoi discepoli, l’arcivescovo di Trento Lauro Tisi ha rinnovato Giovedì Santo, nella s. Messa In coena Domini, il gesto della lavanda dei piedi a dodici giovani delle parrocchie cittadine. Nell’omelia (Qui e Allegato TESTO INTEGRALE), rivolgendosi proprio ai giovani, ha sottolineato la vera eredità di Gesù nell’Eucarestia: “Quali straordinarie risorse potrebbe darvi, per affrontare gli anni della vostra vita, l’essere messi a contatto con il dono di Gesù, voi che contrariamente a quanto si dice, non siete secondi a nessuno sul terreno della gratuità e del servizio.  Come Vescovo sento la responsabilità di far di tutto perché possiate amare l’Eucarestia! Celebrando l’Eucarestia, proclamiamo la morte del Signore, cioè proclamiamo che si diventa padroni del mondo e della storia servendo e abbassandosi”. Nel Venerdì Santo l’Arcivescovo guida alle ore 15.00 in cattedrale l’Azione liturgica della Passione e Morte di Gesù, con l’adorazione silenziosa della croce. In serata alla 20.30 la Via Crucis nella basilica di S. Maria Maggiore.

FOTO GIANNI ZOTTA