Vescovo Lauro al Consiglio Provinciale: “Convivenza e giovani. Disuguaglianza non aspetta “

STORICO INTERVENTO SU INVITO DELLA PRESIDENZA
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

(Trento, venerdì 16 dicembre) “Se le Dolomiti sono patrimonio dell’umanità perché non le donne e gli uomini di questa terra?”. Parte da questa provocazione l’intervento dell’arcivescovo Lauro in Consiglio Provinciale, su invito della Presidenza. All’emiciclo monsignor Tisi ha rivolto un forte invito a considerare la precarietà come un’opportunità, arrivando all’elogio del limite, “quand’esso – precisa – si traduce nella percezione che da soli non ce la possiamo fare”. Nel governare un territorio non c’è alternativa – aggiunge – all’incontro con le persone lì dove esse vivono, operano, progettano, sognano”. Quindi un riferimento alla sfida della convivenza nella provocazione dei migranti e un nuovo, accorato appello a “una politica che progetti non ‘per’ i giovani ma ‘con’ i giovani”, vero faro dell’autonomia. La disuguaglianza – ha concluso –  non aspetta  la politica Qui testo integrale