Trento-Montagnaga, tornano i pellegrini della notte

1-2- giugno, protagonisti i giovani sui 20 chilometri a piedi, con vescovo Lauro
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tornano a camminare nella notte, tra preghiera, canti e silenzio. Saranno anche quest’anno poco meno di mille i giovani, provenienti da tutta la diocesi, protagonisti del pellegrinaggio Trento-Montagnaga, 20 chilometri a piedi dalla sera di giovedì 1 all’alba di venerdì 2 giugno. Con loro anche l’arcivescovo Lauro e come filo conduttore le parole di papa Francesco.

“Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente. Lasciamo un impronta che segni la storia” recita il tema della nona edizione del pellegrinaggio, riprendendo l’inno di Maria di Nazareth, dopo l’annuncio dell’angelo. Il percorso inizierà nel capoluogo dal seminario diocesano di corso Tre Novembre giovedì alle ore 20.00, per giungere in cattedrale dove alle ore 21.00 sarà celebrata la s. Messa presieduta dall’Arcivescovo. Quindi l’avvio del cammino a tappe verso Montagnaga, con attenzione a diverse fasce di età: i preadolescenti fino alle Laste, i ragazzi delle superiori dalle Laste a Civezzano, giovani universitari e lavoratori nella parte finale. La conclusione alle ore 6.00 di venerdì al santuario di Montagnaga con l’affidamento a Maria, la benedizione e il mandato del vescovo.

“Il pellegrinaggio quest’anno vorrebbe educare un giovane a fare memoria, a ‘salvare con nome’ ciò che è importante”, spiega don Rolando Covi della pastorale giovanile, riprendendo il linguaggio digitale. Nell’organizzazione sono stati coinvolti attivamente preadolescenti della val Rendena (alcuni da Giustino, paese del vescovo Lauro), adolescenti di Cognola, giovani di Rovereto e Vallagarina, della pastorale universitaria e di associazioni  e movimenti. Novità: nei giorni scorsi molti giovani hanno visitato ospedali e case di riposo, chiedendo soprattutto agli anziani una preghiera per accompagnare il pellegrinaggio. Quello di una notte, come quello che li attende nella vita. Con qualcosa in più di una speranza, come ricordava papa Francesco alla GMG dello scorso luglio a Cracovia: “Quando Dio tocca il cuore di un giovane, di una giovane, questi diventano capaci di azioni veramente grandiose”.

Info: https://www.noitrento.it/ oppure http://www.diocesitn.it/catechistico-giovani/