Tag Archives: conferenza episcopale triveneta

Vescovi Nordest incontrano card. Ladaria, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede

Su Chiesa e comunicazione la prossima "due giorni" della Cet di gennaio 2019
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

I Vescovi della Conferenza Episcopale Triveneto – presente l’arcivescovo di Trento Lauro Tisi – hanno incontrato martedì 4 dicembre nella sede di Zelarino (Venezia) il cardinale Luis Francisco Ladaria Ferrer, da poco più di un anno Prefetto della Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede, nonché presidente della Pontificia commissione “Ecclesia Dei”, della Pontificia commissione biblica e della Commissione teologica internazionale. Il dialogo si è concentrato, in particolare, sui contenuti dell’esortazione apostolica di Papa Francesco “Gaudete et exsultate sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo e poi sulla lettera della Congregazione per la Dottrina della Fede “Placuit Deo” sull’unicità della mediazione e della salvezza di Cristo (testi usciti entrambi nella prima parte di quest’anno).

“La santità – ha affermato il card. Ladaria nell’illustrare ai Vescovi il documento del Santo Padre – è una realtà della Chiesa, non riservata a coloro che sono canonizzati e troviamo sull’altare. Papa Francesco ci riconduce qui alla santità anonima, della porta accanto, a quella classe media della santità che non è una classe inferiore, a quei santi che non entreranno nei libri di storia ma che sono pienamente santi. La santità non ci toglie vita o gioia, ci dà la vita e la gioia vera. Non bisogna aver paura di puntare in alto, di lasciarsi amare da Dio e di farsi guidare dallo Spirito. Una Chiesa di élite non è la Chiesa di Cristo; la santità è per tutti, è l’unico volto di Dio che si riflette in molti. Sì, ognuno di noi è un riflesso del volto di Dio”.

“La salvezza cristiana – ha detto poi il Prefetto in riferimento al secondo documento – passa attraverso l’umanità di Cristo e prende in considerazione tutto l’essere integrale dell’uomo, perché l’immagine e la somiglianza di Dio toccano anche la dimensione corporea/carnale dell’uomo. La vita di Cristo risorto è comunione piena con Dio e con i fratelli e la salvezza è incorporarsi in questa sua vita. La salvezza è per tutto l’uomo ed è tutt’altro che individualismo, è relazione e partecipazione. E la Chiesa è la comunità di coloro che sono incorporati in questo nuovo ordine di relazioni e partecipano all’eterno scambio di amore che vi è nella Trinità, tra Padre, Figlio e Spirito Santo”.

Nel corso del pomeriggio si è poi svolta la riunione periodica della Conferenza Episcopale Triveneto durante la quale, tra l’altro, i Vescovi hanno fissato il tema per la due giorni di approfondimento che si terrà il 7 e 8 gennaio prossimi a Cavallino (Venezia): Chiesa e comunicazione: come comunicare nella società di oggi.

I vescovi del Triveneto incontrano il cardinal Ladaria – 4 dicembre 2018 (Zelarino- VE)

Vescovi Nordest, esercizi spirituali a Vittorio Veneto

Con le meditazioni del gesuita Annichiarico
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

I Vescovi del Triveneto – compreso l’arcivescovo di Trento Lauro Tisi – hanno vissuto insieme una settimana di esercizi spirituali che si è svolta, dal 9 al 13 aprile scorsi, presso la Casa diocesana di spiritualità e cultura “San Martino di Tours” nel Castello di Vittorio Veneto / Ceneda. A proporre e guidare le meditazioni è stato il padre gesuita Franco Annicchiarico. Nel pomeriggio di venerdì 13 aprile, al termine del corso di esercizi spirituali, i Vescovi si sono poi fermati – nella stessa sede – per una breve riunione della Conferenza Episcopale Triveneto.

Vescovi del Triveneto, due giorni allo specchio

Al Cavallino (VE) confronto sulle attuali sfide per i pastori
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un confronto fraterno sulla figura del vescovo oggi: è quanto hanno fatto i presuli della Conferenza episcopale Triveneto (Cet) – compreso l’arcivescovo di Trento Lauro Tisi – riuniti l’ 8 e il 9 gennaio presso Casa Maria Assunta a Cavallino (Venezia) nel corso della tradizionale “due giorni” che segue il periodo natalizio. Filo conduttore, riferisce un comunicato, “l’ esigenza di comprendere meglio come il vescovo sia oggi chiamato ad annunciare il Vangelo in un contesto di profondi cambiamenti e che desta molti interrogativi”. I presuli hanno ascoltato la testimonianza di persone significative su percezione e attese nei confronti della loro figura: il giornalista di “Avvenire” Umberto Folena, il monaco camaldolese e sociologo Giovanni Dalpiaz, la docente etica e filosofia edlle religioni Pina De Simone. A conclusione, il presidente della Cet Francesco Moraglia ha tra l’ altro dichiarato: “Abbiamo individuato alcune modalità di maggiore condivisione, dialogo e preghiera comune tra noi vescovi del Triveneto e che già nelle prossime occasioni d’ incontro contiamo di realizzare”. La sera dell’ 8 gennaio, i vescovi hanno incontrato i responsabili di zona e gli assistenti ecclesiastici (nazionale e regionali) dell’ Agesci di Veneto, Trentino Alto-Adige e Friuli Venezia Giulia (31.000 aderenti nelle varie fasce d’ età – di cui oltre 5.400 capi – suddivisi in 300 gruppi). I presuli hanno quindi definito “sorprendente e incomprensibile” il taglio ai fondi per le scuole paritarie che “porterà inevitabili ripercussioni sulle rette e, quindi, incrementi di spesa per molte famiglie di queste regioni”, auspicando “una soluzione ragionevole e adeguata”. Molti vescovi hanno confermato la loro presenza alla veglia in programma l’ 8 febbraio a Verona, in occasione della quarta Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di essere umani. (Agensir – Ufficio Stampa Cet)

dig