“Mayr-Nusser testimone di fedeltà e amore”

L'arcivescovo Lauro sul nuovo beato della Chiesa altoatesina
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

In merito alla beatificazione di Josef Mayr-Nusser (Duomo di Bolzano, sabato 18 marzo), l’arcivescovo Lauro (presente alla liturgia) ha diffuso una breve nota:

«La Chiesa di Trento gioisce con la Chiesa sorella di Bolzano-Bressanone per la beatificazione di Josef Mayr-Nusser.  Osserviamo stupiti gli occhi di un giovane, soprattutto nel cuore, che cammina con coraggio e fede enormi verso il sacrificio della propria vita. Lo fa soprattutto per due ragioni. Perché sente dentro di sé  la voce insopprimibile della coscienza, che troppe volte ci ostiniamo a soffocare.  In secondo luogo, perché Josef sa che nulla possono le parole, se non portano alla testimonianza, da lui definita “la nostra unica arma efficace, con semplicità e senza pretese”.  “L’uomo d’oggi  – aggiungeva – può essere convinto da una cosa sola, non da libri, conferenze o prediche, ma solo dalla vita dei cristiani, questo è l’unico libro al quale si crede oppure no“. Qui sta la straordinaria attualità del futuro beato Josef, modello di resistenza nonviolenta ma, prima ancora, marito e papà affettuoso. “In tutta fedeltà e amore”, come si legge nella sua ultima lettera. Il beato Josef doni anche a noi il gusto della fedeltà e dell’amore».