Francesco e Luca preti: “”Siate eccentrici e alternativi”

Cattedrale gremita per l'ordinazione dei due giovani trentini. Ascolta intervista
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“Eccentrica”, come quella di Giovanni Battista, il profeta precursore di Gesù. L’arcivescovo Lauro ha augurato così la vita a Francesco e Luca, i novelli preti ordinati in cattedrale nel pomeriggio di sabato 24 giugno. «Ben vengano – ha spiegato monsignor Tisi commentando il Vangelo odierno sulla nascita del Battista – queste vite eccentriche e antisistema. Abbiamo bisogno come il pane di uomini e donne che ci liberino dalla dittatura della normalità, dalla logica del gregge, del “così fan tutti”. I discepoli di Gesù di Nazareth hanno, nel loro DNA, l’essere alternativi, decentrati, spodestati».

Le parole risuonano nell’omelia, in una cattedrale gremita. Ci sono parenti e amici di Francesco Viganò, 26 anni di Romagnano e Luca Tomasi, 25 anni di Godenzo-Poia; tanti compaesani, parroci in testa; i rappresentanti delle comunità dove i due novelli hanno collaborato, durante gli anni di preparazione in Seminario. Non meno di 150 preti presenti – tra loro anche una decina dell’infermeria del clero – venuti per imporre, subito dopo il vescovo Lauro e l’emerito Bressan, le loro mani sul capo dei due nuovi confratelli e poi abbracciarli al termine della grande preghiera di ordinazione.

Da Tisi l’invito alla Chiesa trentina a “non rimpiangere il passato” per essere, essa stessa, “eccentrica e non autocentrata” e “tornare al largo” dando vita a “comunità abitate da uomini e donne pacifici, pazienti, dal cuore grande, nutriti della Parola di Dio”.

All’inizio della celebrazione, resa solenne dal coro della cattedrale arricchito per l’occasione dai coristi parrocchiali di Bleggio e Lomaso e dai cori giovanili di Ravina, Romagnano e Mattarello, il vescovo Lauro ha ricordato altri due giovani trentini che hanno deciso di consacrare la loro vita per il Vangelo: Matteo Chiarani, di Drena, salesiano ordinato prete oggi a Verona e il cappuccino fra Luca Pedrotti di Vigo Cavedine, prossimo all’ordinazione. Un ricordo anche per il diacono permanente Gianantonio Nodari, scomparso oggi a Torbole all’età di 77 anni.

Don Francesco e don Luca hanno celebrato la loro prima Messa domani, domenica 25 alle ore 16 nelle rispettive parrocchie d’origine. (pf)  LE FOTO SONO DI GIANNI ZOTTA

Don Francesco sarà vicario parrocchiale a Trento-Cristo Re con la responsabilità della pastorale giovanile della zona pastorale di Trento, Luca Tomasi vicario parrocchiale a Mezzocorona.