Francesco e Luca, sabato preti novelli

Alle ore 15 in cattedrale l'ordinazione per mano del vescovo Lauro
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Sabato 24 giugno, la Chiesa di Trento avrà il dono di due nuovi preti.  In cattedrale, nella s. Mesa di ordinazione con inizio alle ore 15.00, l’arcivescovo Lauro imporrà le mani su due giovani diaconi del Seminario diocesano: Francesco Viganò 26 anni di Romagnano e Luca Tomasi, 25 anni, di Godenzo-Poia.

Francesco è nato ad Aiquile in Bolivia (prelatura fondata dai francescani trentini), durante i tre anni di missione vissuti dalla sua famiglia (il papà, Giorgio, è stato anche consigliere provinciale). Oggi vive a Romagnano e prima di entrare in teologia ha conseguito la maturità al Liceo linguistico Da Vinci. Nel corso della sua formazione, Viganò ha collaborato nella parrocchia di Cristo Re a Trento, a Cles e da ultimo, come diacono, a Mattarello.

Luca è nato a Tione ma è originario di Godenzo-Poia, nel Lomaso. Maturità classica al Prati (con vita collegiale all’Arcivescovile), prima di scegliere il Seminario. Per lui sono state terreno formativo le comunità di Levico Terme, Condino, Rovereto Sacra Famiglia e San Marco, dove ha prestato servizio come diacono.

Francesco e Luca erano stati ordinati diaconi dal vescovo Lauro l’8 dicembre 2016, solennità dell’Immacolata, nella basilica di S. Maria Maggiore a Trento.

Sotto, un momento dell’incontro di Francesco e Luca con i giornalisti trentini nel giardino del Seminario, venerdì 23 giugno, alla vigilia della loro ordinazione. Su www.vitatrentina.it intervista al settimanale diocesano.