“A Lourdes storie del Regno di Dio”

Concluso il pellegrinaggio diocesano. Vibrante omelia dell'arcivescovo Lauro
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Dopo quattro intensi giorni di silenzio, preghiera e vita comunitaria è terminato nella mattinata di lunedì 4 settembre il pellegrinaggio diocesano a Lourdes. 310 partecipanti da tutto il Trentino, con il vescovo Lauro spesso chinato sui quaranta ammalati, assistiti da un centinaio di volontari fra medici, infermieri, dame e barrellieri, oltre a una decina di preti. ”La salute vera la possono avere anche gli ammalati, nella misura in cui liberano dentro di sé l’esperienza del ‘grazie’” ha esordito l’arcivescovo nell’omelia della messa conclusiva, nella chiesa di Santa Bernadette.  A tutti i partecipanti è andato il “grazie” di monsignor Tisi (per la prima volta a Lourdes da vescovo). “A voi ammalati  – ha poi precisato – per  avermi regalato le vostre storie” come “ai volontari (tra loro 25 giovani, n.d.r.), per la “meravigliosa testimonianza del regno di Dio vissuto”. “La benedizione di Dio – ha aggiunto don Lauro – è apparsa in Gesù Cristo e in lui siamo sicuri che siamo amati gratuitamente. Tu che hai impressione di aver sbagliato nella vita – ha sottolineato con forza –, sappi che l’amore gratuito di Dio ti sta cercando, mentre, anche nella nostra Chiesa, abbiamo raccontato un altro Dio che chiede fatiche e sacrifici”.

La fiaccolata di sabato 2 settembre (Foto, come la copertina, di Vanda Giuliani)

E, ancora: “Qui abbiamo sperimentato la fraternità e non lasciamoci rubare questo desiderio!  Se non amiamo non abbiamo nessuna gioia”. Quindi don Lauro ha citato un bambino, il più piccolo tra i pellegrini trentini a Lourdes : “La sua mamma mi ha raccontato che il piccolo le ha chiesto: io voglio bene a Gesù, ma come posso fare per volergli più bene? Ecco, questo è un vero miracolo, più d’una gamba che si raddrizza!”. E ha concluso, con un implicito riferimento a Maria, nel santuario più amato a lei dedicato:  “Come le madri che si siedono per ultime a tavola,  così anche Dio non si siede mai finché tutti i figli non si siedono.  Questo è Dio. Andate a casa con questa gioia. Buon  cammino!”

Il gruppo dei giovani volontari. Sullo sfondo la chiesa del santuario di Lourdes (Foto Covi)

Scarica il testo della Via Crucis con riflessioni e preghiere di don Piero Rattin.

Scarica il testo della Via Crucis con riflessioni e preghiere di don Daniele Armani.